Il Gruppo regionale PD accusa la maggioranza: “Solo annunci. La campagna elettorale finita un anno fa”

3' di lettura 25/10/2021 - Il PD fa il bilancio del primo anno all'opposizione. “Tanti annunci ma si prendo i meriti per cose fatte dal PD nella scorsa legislazione”. Mangialardi: “Attendiamo la presentazione di un bilancio da gennaio. Solo annunci ma la campagna elettorale è finita un anno fa”

Ad un anno dall'insediamento della Giunta Acquaroli nell presidenza della Regione Marche il PD e il sua capogruppo Maurizio Mangialardi hanno convocato una conferenza stampa per fare il punto dei 12 mesi passati all'opposizione e dell'anno della maggioranza a guida Fratelli d'Italia.

«Questa Giunta non si è accorta che la campagna elettorale è finita- annuncia Maurizio Mangialardi, capogruppo del PD in Consiglio regionale – In un anno si è andati avanti a slogan ed incassando i risultati delle politiche della precedente amministrazione, ma non sono state messe in campo nessuna azione». Quasi al completo il gruppo PD al fianco di Mangialardi per l'occasione ( Biancani, Bora, Carancini, Casini, Cesetti. Mastrovincenzo, assente Vichi per motivi di salute), coeso nel sottolineare le mancanze della attuale giunta e rivendicare i meriti che secondi i consiglieri dem, sarebbero in larga parte attribuibili al proprio lavoro nella precedente legislatura.

«Questa giunta dovrebbe essere denunciata per plagio- spiega con una iperbole il consigliere Fabrizio Cesetti – Hanno approvato un bilancio tecnico tra gli applausi. Ma quel bilancio l'ho scritto io. Doveva essere un bilancio da adottare solo temporaneamente prima della pubblicazione di un bilancio definitivo della Giunta Acquaroli. Lo avevano annunciato per gennaio, poi per aprile e infine per settembre e ancora lo aspettiamo. Intanto hanno lavorato con il nostro bilancio, con le risorse trovate da noi».

Non mancano le critiche anche dal punto di vista delle politiche sociali, nella mancanza di sostegno alle fasce deboli come espresso dal Consigliere Antonio Mastrovincenzo o della scarsa rappresentanza femminile in Giunta, come espresso dalla Consigliera Manuela Bora, che in contrasto anche con le scelte operate dall'Assessora alle pari opportunità Latini. Mancherebbero a bilancio ancora 3 degli oltre 6 milioni destinati alla cultura secondo il Consigliere Andrea Biancani.

«La sanità marchigiana oggi è gestita senza pianificazione- dichiara Mangialardi - Una deriva dalla. Campagna elettorale in seguito alla quale hanno bloccato la realizzazione dei nuovi ospedali senza pensare un piano diverso per il territorio da mettere in campo». Un fallimento secondo i dem le politiche della giunta sulla sanità, con un aumento dei tempi delle prestazioni sanitarie offerte, una cattiva gestione dei vaccini e mancanza di piani e finanziamenti per le strutture annunciate.

«Sarebbe normale continuare nel solco tracciato dalla Giunta precedente, se non fosse stata fatta campagna elettorale in cui si disconoscevano tutte le scelte operate dall'amministrazione precedente – osserva Mangialardi - per lavorare hanno dovuto recuperare quella programmazione per realizzare ciò che serve alla nostra Regione». Una contraddizione evidenziata anche dal Consigliere Cesetti: «Dove non hanno sfasciato hanno tenuto il nostro. La struttura amministrativa della regione è la nostra. Vi posso anticipare che la maggior parte dei dirigenti che abbiamo nominato noi verranno confermati nonostante gli annunci in campagna elettorale. Questo anno laddove si sono date risposte le ha date la Giunta Ceriscioli, incredibilmente sopravvissuta oltre se stessa».


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 25-10-2021 alle 19:42 sul giornale del 26 ottobre 2021 - 154 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cqre





logoEV
logoEV