Fermo: È un giorno di festa per il Teatro dell’Aquila: si torna a intrattenere il 100% del pubblico con “Scena d’Autunno”

4' di lettura 13/10/2021 - “Scena d’Autunno” è il nome della prima parte del cartellone, che è stata presentata oggi al teatro dell’Aquila. Il calore del Teatro tornerà ad avvolgerci con cinque spettacoli a novembre e dicembre.

Ci accoglie sul palcoscenico del Teatro dell’Aquila l’entusiasmo di Micol Lanzidei, Assessore alla Cultura e alle Pari Opportunità del Comune di Fermo. La sua allegria è dovuta alla notizia della riapertura di cinema e teatri: ”È stato un periodo molto duro per il mondo spettacolo. Siamo riusciti a ripartire anche grazie alla grande sinergia tra Teatro dell’Aquila e Amat”. Lanzidei elogia soprattutto l’idea dell’Amat di unire i teatri marchigiani sotto un unico cartellone regionale, che è stato battezzato “Platea delle Marche”. Per garantire una maggiore elasticità, il cartellone è stato diviso in due parti, quella del 2020 e quella del 2021.

Gilberto Santini, direttore dell’Amat, è entusiasta del successo di “Scena d’Autunno”, che ha coinvolto un grande numero di comuni, per un totale di 100 appuntamenti teatrali. Fermo e Pesaro sono state le uniche città a proporre una vera e propria stagione, anche se divisa in due parti. “C'è voglia di normalità e di dimenticare il temporale che ha investito le nostre vite, per guardare avanti. Sono davvero felice perché questa stagione è stata curata con passione infinita dall'amministrazione comunale, il progetto è pensato passaggio per passaggio” dichiara Santini.

L’impegno e la passione sono ben visibili quando si legge il programma.

Si inizia il 2 novembre con “Il marito invisibile” scritto e diretto da Edoardo Erba con Maria Amelia Monti e Marina Massironi. Durante una videochat fra due amiche, una di loro annuncia che si sposa. Il marito, però, ha una particolarità: è invisibile. Nonostante la comicità, la commedia offre importanti spunti di riflessione sulla società odierna.

Il secondo appuntamento, il 12 novembre, vede come protagonista Brancaleone. Adattamento e direzione artistica di Giampiero Solari con un cast “speciale”: tutti gli attori sono marchigiani. Il famoso Brancaleone non si ferma mai, ha sempre nuove avventure da affrontare. Il suo viaggio diventa metafora del viaggio della compagnia, che, iniziato in piena pandemia, ha toccato i comuni del cratere, colpiti dal sisma 2016.

La stagione vede anche un grande ritorno sul palco del Teatro dell’Aquila, quello di Alessandro Preziosi, che il 18 novembre reciterà in “Totò oltre la maschera, un recital omaggio ad Antonio De Curtis”. Lo spettacolo si incentra sulla doppia “personalità” di Totò e di Antonio De Curtis; sarà uno spettacolo sorprendente che mostrerà al pubblico le fragilità nascoste della leggenda italiana.

La prima data di dicembre sarà l’11, con “Il nodo” di Johnna Adams, con l’attesissima Ambra Angiolini e con Arianna Scommegna, regia di Serena Sinigaglia. Verrà affrontato un tema molto delicato, quello del bullismo, che emerge durante un colloquio tra una madre e una professoressa.

Questa prima parte del cartellone si concluderà il 23 dicembre con “Il circo delle bolle di sapone” della Compagnia Ribolle. Sarà un sogno visivo e musicale, che coinvolgerà adulti e bambini con le magnifiche bolle di sapone in perfetta armonia con i tempi musicali e scenici. “Sarà una festa di fine stagione che ci trasporterà nella magia del Natale” concordano l’Assessore e Santini.

L’ultima parola va a Paolo Calcinaro. Anche il Sindaco è molto emozionato per questo significativo riavvicinamento alla normalità: “Già nella giornata del Premio Postacchini è stato emozionante rivedere la coda fuori dal teatro, e le persone che sono uscite dal ristorante lì vicino prima di godersi lo spettacolo. Una cena e una serata a teatro, rivedere queste abitudini è un’emozione unica. Sono tanti i cittadini che mi chiedono quando ricominciamo, c'è un interesse vero da parte dei fermani. Invito la cittadinanza a venire a teatro: vi invito a ricominciare!”.

Prima di congedarsi, l’Assessore ci tiene ad aggiungere: “È sorprendente che la riapertura sarà al 100%, ma questo non deve spaventare. La biglietteria farà attenzione a vendere i posti migliori, soprattutto con i congiunti. Tutti gli spettatori saranno provvisti di green pass e mascherina”.

Sarà possibile rinnovare l’abbonamento per gli abbonati della passata stagione teatrale da domenica 17 ottobre a sabato 23 ottobre. Per i nuovi abbonamenti da domenica 24 a giovedì 28 ottobre, presso la biglietteria del Teatro dell’Aquila 0734 284295. Per il biglietto unico, sarà possibile acquistarlo da venerdì 29 ottobre al costo fisso di 15 euro (tranne per lo spettacolo delle bolle di sapone e quelli fuori abbonamento). Il giorno della prenotazione sarà possibile ritirare un numeretto dalla biglietteria, per evitare assembramenti e file.








Questo è un articolo pubblicato il 13-10-2021 alle 15:06 sul giornale del 14 ottobre 2021 - 259 letture

In questo articolo si parla di attualità, amat, fermo, teatro dell'aquila, spettacolo teatrale, stagione teatrale, assessore alla cultura, paolo calcinaro, articolo, Silvia Cotechini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cn9W





logoEV
logoEV