counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPORT
articolo

Fermana, vittoria doveva essere e vittoria è stata

4' di lettura
157

FERMO - La squadra gialloblù batte 2-0 il Grosseto, diretta concorrente per la salvezza, grazie a due gol di Mbaye e Cognigni, con una prestazione convincente sotto tutti i punti di vista, conquista la prima vittoria stagionale, tre punti importanti sia per il morale che per la classifica. La "cura" del nuovo allenatore Riolfo sembra funzionare e fa uscire la Fermana dalla crisi di inizio stagione.

La graduatoria adesso vede i canarini salire di colpo dall'ultimo al quintultimo posto (sebbe in coabitazione con Pistoiese e Grosseto a 4 punti) grazie ai risultati delle dirette concorrenti (Pistoiese e Grosseto sconfitte, Viterbese, Vis Pesaro e Teramo hanno pareggiato). Un ottimo viatico per un derby particolarmente sentito dalla tifoseria come quello di sabato prossimo a Pesaro, altra diretta concorrente per la salvezza che precede in classifica la squadra canarina di soli due punti.
Si interrompe dopo 427 minuti l'astinenza dal gol per la Fermana in questo campionato e la mancanza di vittorie dopo ben 11 partite cioè 990 minuti (da Fermana-Modena, 27 marzo, 29° giornata dello scorso campionato).

Rispetto alla partita di sabato scorso a Carrara, out Sperotto per infortunio, Mordini si abbassa esterno difensivo accanto ai riconfermati Blondett e Urbinati centrali e Rossoni destro; a centrocampo dentro Mbaye dal 1' accanto ai riconfermati Graziano e Capece; in attacco accanto ai confermati Cognigni e Frediani, mister Riolfo passa da Rovaglia a Lovaglio; per quest'ultimo, classe 2002 proveniente dalle giovanili del Torino, è l'esordio assoluto da titolare con la Fermana e anche in una partita prof che non sia un campionato giovanile. Si rivede Ettore Marchi in panchina dopo l'infortunio. Nella tribuna sopra alle panchine c'è patron Maurizio Vecchiola, che saluta i giocatori infortunati e dall'alto incoraggia quelli in campo.

Giusto approccio da parte della Fermana, i gialloblù sono aggressivi, pressano, si inseriscono con la giusta "cattiveria" agonistica in tutti gli spazi, sembra di rivedere la Fermana contro la Viterbese. Il Grosseto soffre e al quarto d'ora Frediani dal limite con una bella conclusione angolata va vicino al gol, Barosi respinge. Alla mezz'ora gol annullato a Blondett per presunto fallo di mano: alza vistosamente il braccio ma non è chiaro se tocca davvero la palla, sta di fatto che l'arbitro è molto lontano dall'azione mentre i giocatori avversari che sono più vicini all'azione e il portiere non protestano affatto. Il gol fermano però è nell'aria e arriva poco dopo: da corner Mbaye devia di testa in rete, un difensore biancorosso allontana di testa quando la palla ha già oltrepassato la linea: 1-0. Per il senegalese ex Matelica prima rete con i canarini. La reazione del Grosseto è velleitaria e i canarini gestiscono il vantaggio senza difficoltà fino all'intervallo.

La ripresa si apre con l'inserimento da parte del mister ospite Magrini dell'esperto De Silvestro, ma la prima azione è fermana: bell'inserimento di Lovaglio che supera tutti in velocità e costringe Barosi ad una doppia respinta; anche in questo caso è solo l'antipasto del raddoppio gialloblù che arriva poco dopo, su punizione ben battuta da Frediani, Cognigni si eleva bene nel mucchio e con una inzuccata batte Barosi per il 2-0. Per Cognigni è il primo centro stagionale e il ritorno al gol dopo sette mesi (21 febbraio in Fermana-Imolese, per lui fu il 3° e ultimo centro stagionale prima dell'infortunio a tibia e perone).
Nel resto della ripresa il Grosseto ci prova, a volte è pericoloso, ma Ginestra c'è e prima respinge una conclusione molto pericolosa poi si fa sempre trovare pronto. La girandola delle sostituzioni cambia poco il corso della gara, la Fermana gestisce con qualche brivido ma senza grandi affanni, i maremmani sono tanto imprecisi quanto desiderosi di fare il gol che riaprirebbe la gara, ma si limitano a trovare il portierone della Fermana, poi al 90' il palo e al 93' quando Ginestra è battuto (e infortunato) c'è il piedone di capitan Urbinati ad evitare il gol della bandiera biancorossa. All'ultimo secondo rocambolesca azione di contrpiede della Fermana, palo e possibile rigore.

FERMANA (4-3-3): Ginestra; Rossoni, Urbinati, Blondett, Mordini; Mbaye, Graziano (20' st Pannitteri), Capece; Frediani (25' st Bugaro), Cognigni (35' st Corinus), Lovaglio (20' st Rovaglia). A disp. Moschin, Alagna, Rodio, Grossi, Pistolesi, Bolsius, Marchi. All. Giancarlo Riolfo.

GROSSETO (4-3-1-2): Barosi; Raimo, Siniega, Ciolli, Semeraro (20' st Biancon); Artioli (12' st Cretella), Vrdoljak, Fratini (1' st De Silvestro); Piccoli; Arras (27' st Moscati), Dell'Agnello (12' st Scaffidi). A disp. Fallani, Ghisolfi, Marigosu, Salvi, Serena, Verduci. All. Lamberto Magrini.

ARBITRO - Abdoulaye Diop di Treviglio; ass. Marco Carrelli di Campobasso e Lorenzo D'Ilario di Tivoli; quarto ufficiale di gara Paul Leonard Mihalache di Terni.

RETE: 33' pt Mbaye; 6' st Cognigni

NOTE: espulso Arras dalla pachina subito dopo la sostituzione al 28' st; ammoniti Fratini, Mordini, Capece; recupero 0+6; Spettatori 481 (di cui 34 abbonati e una ventina in curva ospiti). Incasso 3000 euro circa di cui 374€ rateo abbonamenti.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2021/09/28/fermana-adesso-i-numeri-fanno-paura/1036580/

https://www.viverefermo.it/2021/09/26/la-fermana-con-riolfo-bella-solo-a-met-e-vince-la-carrarese/1036010/

https://www.viverefermo.it/2021/09/25/fermana-a-carrara-riolfo-lattesa-alimenta-lanimale-da-battaglia-che-ho-dentro/1035168/

https://www.viverefermo.it/2021/09/23/fermana-il-neomister-riolfo-si-presenta-ritrovare-lo-spirito-combattivo/1033293/

https://www.viverefermo.it/2021/09/21/fermana-mister-riolfo-il-sostituto-del-dimissionario-domizzi/1031989/

https://www.viverefermo.it/2021/09/20/la-fermana-ancora-ko-0-4-e-si-arrende-domizzi-a-rischio-esonero/1031414/

https://www.viverefermo.it/2021/09/13/fermana-e-allenatore-nel-pallone-vince-il-montevarchi/1026658/



Questo è un articolo pubblicato il 29-09-2021 alle 09:36 sul giornale del 30 settembre 2021 - 157 letture


Paolo Bartolomei