Saltarello, una legge per tutelarlo

2' di lettura 20/09/2021 - Il saltarello riconosciuto “aspetto identitario della comunità marchigiana, della cultura e della tradizione popolare musicale regionale”, un patrimonio dal valore sociale e formativo che la Regione intende promuovere e sostenere.

E’ il principio alla base della proposta di legge “Tutela e valorizzazione del saltarello tradizionale marchigiano”, a iniziativa del Gruppo della Lega, approvata a maggioranza in Prima commissione affari istituzionali-cultura, presieduta da Renzo Marinelli. «Una legge – commenta il Presidente - che si collega alla scelta della Regione di riscoprire i borghi e le radici della nostra cultura, ma anche un modo per valorizzare il grande lavoro svolto dai gruppi folkloristici, diffusi in tutta la regione, come nel mio comune, dove è attivo uno dei più longevi e fedeli alla tradizione».

Durante i lavori è intervenuto il primo firmatario e relatore di maggioranza, il consigliere regionale Andrea Antonini, secondo il quale «l’aspetto più ambizioso della proposta è quello di costruire attorno a questo ballo tradizionale un percorso di riscoperta e di attualizzazione, così come avvenuto per la pizzica nel Salento, trasformandolo in un veicolo turistico che si unisce ad esempio all’enogastronomia. E’ un’operazione culturale e sociale, ma anche un investimento con prospettive future significative che non può avvenire senza il contributo e il coordinamento della Regione».

Il testo propone di istituire un registro regionale e interventi a sostegno di corsi di orientamento e perfezionamento, manifestazioni, festival, progetti con il mondo della scuola, ricerche, produzioni discografiche e cinematografiche. Saranno valorizzati anche i gemellaggi, coinvolgendo le comunità dei marchigiani all’estero. Per la Vicepresidente Marta Ruggeri (M5s), relatrice di opposizione della proposta di legge, su cui si sono astenuti i consiglieri M5s e Pd, «le finalità della pdl sono condivisibili, ma abbiamo scelto di astenerci perché aspettiamo ancora l’approvazione dell’assestamento, con le altre leggi sulla cultura ferme a causa dei bandi non ancora fatti. Forse sarebbe più opportuna una legge più organica che promuova tutti gli aspetti culturali e identitari, piuttosto che tante piccole leggi».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-09-2021 alle 15:47 sul giornale del 21 settembre 2021 - 231 letture

In questo articolo si parla di cultura, marche, Assemblea legislativa delle Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cj09