In Prima Commissione la legge per le dimore storiche e gli interventi per i marchigiani all'estero

2' di lettura 13/09/2021 - Dimore, ville, complessi architettonici e del paesaggio, parchi e giardini di valore storico-culturale. Un patrimonio diffuso da mappare, promuovere e mettere in rete con una serie di interventi, oggetto della proposta di legge all’ordine del giorno della prima seduta, dopo la pausa estiva, della Commissione affari istituzionali e cultura presieduta da Renzo Marinelli (Lega).

La proposta, a iniziativa dei consiglieri FdI Ciccioli, primo firmatario, Assenti, Ausili, Baiocchi, Borroni, Leonardi, Putzu, è stata al centro dell’audizione con i rappresentanti della Soprintendenza archeologica, belle Arti e paesaggio delle Marche e di alcune delle maggiori associazioni impegnate nella tutela del patrimonio culturale e ambientale: Associazione Dimore storiche italiane, Marche Segrete, Marche in Villa, Italia Nostra, FAI Marche. Primo obiettivo del provvedimento, relatori Carlo Ciccioli per la maggioranza e Andrea Biancani (Pd) per l’opposizione, è quello di creare un circuito unico, riconoscibile da un brand, investendo nella valorizzazione e nella comunicazione.

«Riprendiamo l’attività della Commissione a pieno ritmo – ha commentato il Presidente Marinelli – L’incontro di oggi con la Soprintendenza e le associazioni, che ringraziamo per la disponibilità e la partecipazione, è risultato molto proficuo e utile per approfondire la conoscenza di un patrimonio strategico, quello delle ville e dimore storiche, importante sia dal punto di vista turistico che culturale».

All’ordine del giorno della seduta anche il “Programma degli interventi a favore degli emigrati marchigiani” per l’XI legislatura. Nell’atto amministrativo, a iniziativa della Giunta regionale, relatrici la consigliera Chiara Biondi (Lega) e la Vicepresidente Marta Ruggeri (M5s), le azioni previste per rafforzare la collaborazione con le 4 Federazioni e le 56 Associazioni dei marchigiani all’estero, progetti per lo sviluppo economico e la promozione turistica, iniziative rivolte ai giovani di origine marchigiana. Il numero dei marchigiani che hanno lasciato l’Italia dal 2005 al 2020, in base all’Anagrafe degli Italiani residenti all’estero (AIRE), è aumentato del 92%, passando dagli 83.039 ai 159.342 iscritti nel luglio di un anno fa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2021 alle 16:00 sul giornale del 14 settembre 2021 - 152 letture

In questo articolo si parla di attualità, marche, Assemblea legislativa delle Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ciYG





logoEV
logoEV