counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

Civitanova: Da spazi pubblicitari inutilizzati a opere di arte urbana, Tabula Rasa colora Palazzo Sforza: "Ora murales in altre location della città"

3' di lettura
203

Dal bianco “sporco” dell’abbandono ai colori di due opere di altrettante artiste di calibro internazionale. Con il disvelamento delle due opere installate in via Buozzi, a due passi dal municipio, si è alzato ufficialmente il sipario sulla tre giorni di Tabula Rasa, festival di arti visuali che coinvolgerà la città nel fine settimana alle porte.

Alla presenza dell’assessore all’ambiente Giuseppe Cognigni e del direttore artistico della rassegna Giulio Vesprini è stato tagliato il nastro alle due opere che campeggeranno per tutto il prossimo anno sulla parete laterale di palazzo Sforza: “Bike & Hike” a firma della romana Marta Pantaleo (collaboratrice, tra gli altri, di New York Times, Repubblica e La Stampa) e “Natura” della bergamasca Giulia Tassi. Due opere che andranno a riconsegnare due spazi abbandonati da tempo (erano cornici utilizzate in passato per le affissioni pubblicitarie) seguendo il percorso tracciato ormai da anni in città per quanto riguarda l’arte urbana. «Siamo molto felici di avere quello che è il primo festival del genere nelle Marche proprio a Civitanova – rimarca Cognigni – questo testimonia come Civitanova sia una città moderna e all’avanguardia anche nel campo artistico, grazie anche a maestri come Giulio Vesprini, che sta facendo formazione anche a tanti giovani che lo seguono. Queste belle installazioni urbane, in una facciata di Palazzo Sforza da riqualificare nel prossimo futuro, sono anche espressione di arte al femminile, con artiste molto qualificate. Con Vesprini abbiamo fatto grandi cose in passato, da ultima la riqualificazione dello skate park. Grazie a lui abbiamo uno dei bagni pubblici più fotografato d’Italia, quello di Villa Letizia. Per questo posso già annunciare che continueremo su questa linea: abbiamo trovato fondi da utilizzare per dei murales sui sottopassi Esso, di via Indipendenza e di via Buozzi e al parco delle Fontanelle».

Intanto Tabula Rasa ha già fatto il pieno ancora prima di cominciare: tutti gli eventi della tre giorni, tra mostre, workshop ed altro, sono andati soldout. «Questi due spazi per la prima volta escono dal circuito delle affissioni pubblicitari e soprattutto dell’anonimato – spiega Vesprini, l’ideatore del museo a cielo aperto “Vedo a colori” – grazie a queste due bravissime artiste. Tabula Rasa offre un nuovo spunto per guardare, comprendere e vivere gli spazi pubblici, ridisegnando la città come un grande museo diffuso. Questa è un’edizione embrionale, nata nel 2020 e posticipata causa covid, ma il Festival sta già riscuotendo tanto interesse in tutta Italia e cercheremo di perfezionarlo per la prima vera edizione dopo la data zero di quest’anno».

Tabula Rasa parte per davvero alle 17.30 con l’inaugurazione della mostra “Graphic…Boom” e la presentazione degli elaborati partecipanti alla call 2020 del festival al Lido Cluana (Palazzina Sud). Il programma prosegue il 21 e 22 agosto con una ricca proposta di appuntamenti, tutti al Lido Cluana ad ingresso gratuito.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/





Questo è un articolo pubblicato il 20-08-2021 alle 18:49 sul giornale del 21 agosto 2021 - 203 letture