counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Biancani: "La Regione in questa fase di passaggio abbassi i prezzi dei tamponi per favorire la socialità e le imprese"

2' di lettura
145

Attivarsi per ridurre i costi dei test rapidi, agevolando il tracciamento del virus e il rilascio del green pass temporaneo, per non penalizzare ulteriormente le attività economiche e gli eventi, in attesa di completare l'immunizzazione. E' la proposta del consigliere regionale Andrea Biancani (Pd), primo firmatario di una mozione sottoscritta anche da Micaela Vitri e dal gruppo del Partito Democratico, che raccoglie le preoccupazioni di esercenti e operatori turistici.

«Con questa mozione – spiega Biancani – chiediamo alla Giunta regionale di seguire la strada tracciata già da altre regioni, come il Friuli Venezia Giulia, che hanno messo a disposizione risorse aggiuntive a quelle statali per abbattere ulteriormente il costo del tampone. Positivo il provvedimento appena varato dal Governo per calmierare i prezzi e abbassarli soprattutto per le fasce più giovani, con un costo in farmacia di 8 euro per i minorenni tra 12 e 18 anni, 15 euro per gli over 18. Ma per una famiglia media resta una spesa insostenibile, che in questa prima fase rischia di creare disuguaglianze e di penalizzare ancora di più le attività e le iniziative, tenendo conto che ad oggi nelle Marche devono fare ancora la prima dose indicativamente il 30% dei cittadini. Proponiamo quindi di stanziare risorse e di favorire convenzioni per lo svolgimento dei tamponi rapidi, per ridurre costi e disagi e permettere la ripresa di attività ed eventi culturali, sportivi e ricreativi».

L’obiettivo è rendere sostenibile l’esecuzione dei test per ottenere un green pass temporaneo in questi primi mesi di avvio ed evitare che il loro costo scoraggi la partecipazione a manifestazioni che si svolgono in luoghi soggetti all’obbligo del certificato verde, come siti culturali, mostre, cinema, teatri, spettacoli, ma anche competizioni sportive, palestre, piscine, sagre, fiere e ristorazione al chiuso.

«E' evidente che la vaccinazione – rimarca Biancani – resta lo strumento principale e più efficace per proteggerci dal Covid-19 e che è fondamentale continuare con tutti gli sforzi possibili la campagna vaccinale, senza diffondere messaggi ambigui o contraddittori. Tuttavia, questa fase di passaggio, segnata dall'introduzione dell’obbligo del green pass, va accompagnata da agevolazioni che aiutino e guidino gli esercenti a gestire le loro attività. Per questo chiediamo alla Regione un aiuto concreto con tre obiettivi: tutelare l'opportunità dei cittadini di riappropriarsi dei luoghi del tempo libero e della socialità dopo un lungo periodo di restrizioni, sostenere il rilancio di tante imprese che operano in questi settori, rafforzare il monitoraggio sanitario sulla circolazione del virus. Con la consapevolezza – conclude Biancani – che i tamponi sono strumenti per il tracciamento, non l'alternativa al vaccino».



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2021 alle 19:23 sul giornale del 07 agosto 2021 - 145 letture