Pesaro: Manifestanti sotto casa del sindaco, tanti i messaggi di solidarietà a Matteo Ricci

matteo ricci 8' di lettura 29/07/2021 - Solidarietà al sindaco di Pesaro Matteo Ricci dopo il sit-in dei manifestanti sotto la sua abitazione. Numerosi i messaggi solidali all'indirizzo del primo cittadino:

Il presidente della Provincia Giuseppe Paolini esprime solidarietà al sindaco di Pesaro Matteo Ricci dopo il sit – in dei manifestanti contro vaccino e gren pass sotto casa del primo cittadino. “Si sente odore di squadrismo e violenza gratuita nei confronti delle istituzioni – dice Giuseppe Paolini -. E’ necessario mantenere tutti la calma perché l’emergenza pandemica non è finita. Il richiamo al rispetto delle regole fatto dal sindaco di Pesaro è condiviso da tutti i sindaci”.

"Massima solidarietà al sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, per la contestazione subita sotto la sua residenza, ieri sera. Non si vuole entrare nel merito del dibattito sull'opportunità di vaccinarsi o meno ma in questo caso si è lesa la libertà di espressione di un cittadino, di un sindaco, andando a intaccare oltretutto la sua sfera personale con la contestazione sotto una privata abitazione. Il dibattito, qualsiasi dibattito, deve sempre rimanere sul binario del confronto democratico, corretto e rispettoso delle varie posizioni ma soprattutto della libertà di espressione. Sappiamo bene tutti quanto difficile e delicato sia il momento che stiamo vivendo. E alzare i toni con simili manifestazioni crea ulteriore inquietudine di cui, certamente, nessuno ha bisogno". Così, in una nota, la Capogruppo regionale Forza Italia, Jessica Marcozzi

«Esprimo la mia solidarietà al Sindaco Matteo Ricci, unendomi alle decine di messaggi di vicinanza che sta ricevendo da rappresentanti politici e istituzionali di tutto il Paese. Credo che la coesione, l'ascolto e il confronto civile siano fondamentali per gestire i momenti di crisi. Estremizzare lo scontro come sta avvenendo in queste ultime settimane è controproducente per tutta la comunità. Quello di mercoledì sera è stato un brutto e preoccupante episodio, nessuna protesta può essere ammessa sotto casa di qualunque cittadino, tanto più intimidendo la sua famiglia. Mi auguro arrivi a Matteo Ricci la solidarietà di tutte le forze politiche, perché, al di là delle posizioni partitiche, di fronte a simili fatti irresponsabili la condanna dovrebbe essere unanime. Nei giorni scorsi abbiamo proposto come gruppo consiliare del Pd di prevedere il green pass per l'ingresso nell'Aula del Consiglio regionale, perché crediamo che chi fa politica deve dare per primo il buon esempio. Sarebbe un segnale efficace e coerente con la scelta del Governo, perché il green pass è uno strumento utile per il ritorno alla normalità. Non possiamo dare ai cittadini indicazioni contraddittorie che creano solo confusione. Il Governo lo chiede per andare in palestra, al cinema, per cenare in un ristorante al chiuso e in tante altre situazioni. Se lo chiediamo ai cittadini e alle attività, come minimo dobbiamo farlo noi. La politica è giusto che dia un segnale tangibile. Abbiamo formalizzato la proposta, ma la Conferenza dei Capi gruppo non si è ancora pronunciata, rinviando la decisione di un'ulteriore settimana. Mi auguro che la richiesta venga accolta da tutte le forze politiche, sarebbe un messaggio di unità e di distensione significativo per tutti i cittadini». Andrea Biancani, Vicepresidente Consiglio regionale (Pd)

Art.1 esprime solidarietà al Sindaco di Pesaro: "Articolo 1 esprime solidarietà al sindaco di Pesaro e alla sua famiglia per l'assurda piazzata messa in atto da un movimento che si dice libertario ma che in realtà pensa solo alla propria visibilità nella convinzione che la presunta libertà personale sia un diritto superiore a quello di tutelare la salute di tutti i cittadini. Facciamo notare che presumibilmente la maggior parte dei partecipanti all'urlante corteo ha già effettuato i vaccini regolamentari dell’infanzia e che comunque se nei decenni passati tutti avessero ragionato come loro saremmo ancora preda di malattie terribili come il vaiolo e la poliomielite. Se invece di improvvisarsi tutti scienziati e virologi si pensasse al bene comune e alla solidarietà sociale vivremo tutti in un mondo migliore".

“A Matteo Ricci va tutta la nostra incondizionata solidarietà per il vergognoso atto intimidatorio subito insieme alla sua famiglia. Quanto avvenuto ieri sera, con un corteo di qualche decina di persone appartenenti a movimenti No Vax e No green pass che hanno marciato fin sotto la sua abitazione, oltre che un gesto vigliacco contro la persona e le istituzioni, evoca pericolose pratiche squadriste risalenti a un lugubre passato che trascendono ogni legittima forma di protesta. Esprimiamo grande preoccupazione per il pesante e inaccettabile clima di violenza che si sta instaurando nel nostro Paese e che purtroppo, in Italia come nelle Marche, trova una concreta quanto irresponsabile sponda in partiti come Fratelli d’Italia e Lega, la cui gran parte degli esponenti non esita a blandire, quanto non ad appoggiare apertamente, piazze inneggianti slogan deliranti sulla dittatura sanitaria e la truffa del Covid. La vaccinazione di massa e l’applicazione del green pass sono strumenti fondamentali per riconquistare quella libertà e quella ripresa economica che il Covid ci ha sottratto. Chi nel mondo politico sostiene il contrario, mente sapendo di mentire per un esiguo pugno di voti, incurante delle conseguenze sulla salute pubblica e sull’imbarbarimento della convivenza civile”. Così il gruppo assembleare del Partito Democratico esprime solidarietà al sindaco di Pesaro Matteo Ricci, dopo la manifestazione dei movimenti No Vax e No green pass avvenuta ieri sotto la sua abitazione.

“Solidarietà al Sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, per quanto accaduto ieri sera, quando alcuni manifestanti si sono radunati sotto la sua abitazione privata. Senza entrare nel merito del dibattito e difendendo sempre la libertà di poter esprimere la propria opinione e il proprio dissenso in maniera pacifica e nel rispetto delle regole, riteniamo che la sfera privata e la sfera pubblica debbano sempre mantenersi separate. Ho telefonato al Sindaco Ricci per esprimere, a titolo personale e di Fratelli d’Italia, piena solidarietà in merito alla dura contestazione subita. La libertà di espressione e di confronto su certi temi non deve trascendere in gesti che possono mettere a rischio la serenità delle persone. In questa delicata fase non si deve buttare benzina sul fuoco incendiando il clima sociale e il dibattito va riportato dentro l'alveo della democrazia che ammette opinioni diverse e rispetto di quelle altrui”. Così in una nota Emanuele Prisco, deputato e commissario regionale di Fratelli d’Italia nelle Marche.

La libertà di manifestare per me è sacra ed è garantita dalla Costituzione del nostro Paese. Ma con la libertà di minacciare ed insultare giornalisti, e con la libertà di minacciare o insultare esponenti politici ed istituzionali e le loro famiglie sotto le loro abitazioni private, si è superato ogni limite.” Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni dopo l’episodio sotto l’abitazione del sindaco di Pesaro. “Salvini e gli altri esponenti della destra - conclude Fratoianni - fermino i loro sostenitori in giro per l’Italia scatenati nelle azioni squadriste.”

Si dice «indignato e preoccupato» il presidente del Consiglio comunale Marco Perugini nel condannare il corteo non autorizzato che ieri ha manifestato sotto casa del sindaco Matteo Ricci. «Quanto accaduto è inaccettabile – sottolinea Perugini –. È stata un’azione irresponsabile, con assembramenti di decine di persone senza mascherina. Un corteo non autorizzato che si è fatto beffa del confronto democratico e delle basilari regole di convivenza civile». «La fiducia dei cittadini passa anche attraverso la sicurezza del nostro primo cittadino – prosegue –, per questo mi auguro che i responsabili vengano perseguiti e puniti. È inaccettabile per una città come Pesaro e per un Paese come il nostro, che si consentano situazioni del genere in cui si dà spazio a esaltati e facinorosi permettendo loro di arrivare sotto casa del sindaco». Disapprovazione, anche per «come è stato gestito l’ordine pubblico: si è permesso al gruppo di manifestanti di intimidire e spaventare la famiglia del primo cittadino urlando e suonando il campanello dell’abitazione privata. Una situazione che non deve più accadere. Dobbiamo prendere le distanze da tutti coloro che erano presenti a questa manifestazione». «In questo momento abbiamo bisogno di fiducia e di speranza, di invitare le persone a vaccinarsi, per uscire il prima possibile da questa crisi sanitaria, economica e sociale» ha concluso il presidente del Consiglio comunale.

“Ciò che è accaduto ieri al sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, è inaccettabile. In Italia sarà sempre possibile a tutti esprimere la propria opinione ma manifestare sotto un’abitazione privata è, di per sé, un atteggiamento violento che nega ogni libertà professata da questi manifestanti. Voglio esprimere a Ricci tutta la mia solidarietà e spero che vengano fatti i dovuti accertamenti su chi ha messo in atto questo raduno, non autorizzato, minaccioso e intimidatorio” E’ quanto afferma la Sen. Rossella Accoto, Sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali.






Questo è un articolo pubblicato il 29-07-2021 alle 19:14 sul giornale del 30 luglio 2021 - 293 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pesaro, matteo ricci, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ccGu





logoEV