Morrovalle: auto contro scooter, morto un uomo di 56 anni

3' di lettura 26/07/2021 - Ancora una vita spezzata sulle strade morrovallesi, ancora un uomo in sella al suo scooter che trova la morte in un drammatico schianto. Luigi Chiacchiera, 56 anni, di Monte San Giusto ha perso la vita in un incidente all’incrocio tra la provinciale 86, quella che collega Trodica con il centro cittadino, e via Romagna.

Erano le 14.30 circa e l’uomo, sposato e padre di tre figli, stava percorrendo la provinciale come faceva abitualmente con il suo Honda Silver: da casa sua, a Monte San Giusto, doveva arrivare alla fabbrica di calzature nel paese alto dove lavorava ormai da qualche anno. Arrivato nei pressi del distributore di carburanti Galtor da via Romagna spunta la sagoma di una Fiat 500. A bordo ci sono due sorelle morrovallesi, entrambe giovanissime: la conducente, di 19 anni, ha la patente da poche settimane. La loro auto aveva mostrato qualche strana spia accesa e così si erano recate dal meccanico lì vicino per controllare. La ragazza si immette da via Romagna sulla provinciale in direzione Trodica e l’uomo, verosimilmente, si accorge di cosa sta succedendo: il lungo segno nero rimasto sull’asfalto fa capire che Chiacchiera avrebbe provato a frenare bruscamente per evitare l’impatto. Senza riuscirci.

Il 56enne resta a terra privo di sensi, le sue condizioni sembrano disperate, ma è ancora vivo nonostante il violento colpo subito. Si mette subito in moto la macchina dei soccorsi, l’ambulanza arriva nel giro di pochi minuti e scatta la disperata corsa per provare ad evitare il peggio. Per una mezz’ora abbondante i sanitari fanno di tutto per stabilizzarlo lì a terra, sull’asfalto rovente dell’afoso pomeriggio morrovallese, mentre poco lontano atterra l’eliambulanza per il trasporto all’ospedale Torrette di Ancona. I medici fanno il possibile, ma purtroppo non c’è nulla da fare: il sangiustese spira senza che l’elicottero riesca a prendere il volo. La ragazza, invece, è illesa a livello fisico, ma è ovviamente sconvolta dall’accaduto: sotto shock viene trasportata all’ospedale di Macerata per dei controlli.

Sul posto arrivano gli agenti del Commissariato di polizia e i Vigili del Fuoco, che si sono occupati di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. Resta da valutare se a causare la morte dell’uomo sia stata la caduta dallo scooter, semidistrutto frontalmente, o l’impatto con l’auto, che presenta invece solo lievi segni di danneggiamento sulla parte anteriore sinistra. E poi è da valutare il ruolo giocato dalla velocità a cui viaggiavano i due mezzi: in quel tratto di strada spesso auto, camion e moto sfrecciano oltre i limiti consentiti dalla legge.

I carabinieri, invece, si sono occupati del traffico, bloccato in tutto il tratto stradale compreso tra gli incroci con via Marche e via Romagna sud e deviato per tutto il pomeriggio nelle vie secondarie all’interno della zona industriale.

La tragedia richiama alla memoria quello di appena due settimane fa: a pochi chilometri di distanza, lungo la strada Folgaretti, Paolo Mercuri trovò la morte investito da un’auto poco dopo essere caduto dal suo scooter. Anche in quel caso un uomo, un padre che in sella al suo scooter trova la morte finendo contro una macchina.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare un messaggio allo stesso numero.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverecivitanova/






Questo è un articolo pubblicato il 26-07-2021 alle 19:03 sul giornale del 27 luglio 2021 - 586 letture

In questo articolo si parla di vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cb0O