A14 Fede (M5S Senato): "Nuove prospettive per il futuro dell'A14 dopo anni di inerzia e blocchi"

giorgio fede| 2' di lettura 11/06/2021 - Il sen. Giorgio Fede del Movimento 5 Stelle ha partecipato oggi giovedì 10 giugno a un altro incontro sulla situazione dell’autostrada A14, con i responsabili della rete autostradale, del Ministero e di ASPI - 7° tronco, con la partecipazione dei rappresentanti territoriali.

Commenta il sen. Fede: «in questi giorni si è concluso l’accordo con Atlantia, con l’ingresso di CDP, ed è importante capire come questo evento, fortemente voluto dal Movimento, cambierà lo scenario complessivo anche dell'A14, poiché in futuro avremo una parte pubblica che non ragionerà più con l’orizzonte temporale della scadenza della concessione, che impediva progetti di lungo respiro. Ora, dopo lo stop del 2007, finalmente può ripartire il lavoro sul progetto dell’allargamento con la terza corsia del tratto da Porto Sant’Elpidio in direzione sud, pensando al congiungimento con l’A25 e quindi l’A24, per poi eventualmente proseguire fino alla Puglia. Sarebbe un allargamento fondamentale, e non solo per il nostro territorio, ma anche nell’ottica della viabilità nazionale e addirittura europea, nel proseguimento del corridoio logistico “baltico-adriatico” fino al sud Italia: e proprio questo fattore inserisce l’opera in una prospettiva più ampia, non solo localistica». «Non dimentichiamo, infatti», prosegue Fede, «che parliamo di un’opera estremamente complessa tecnicamente e quindi costosa.

È un tratto di oltre 100 km, a cavallo tra Marche e Abruzzo, che presenta notevoli difficoltà tecniche, con decine di chilometri di gallerie e ponti, per il quale dovranno essere valutati i costi e i benefici delle differenti soluzioni possibili. Si sta lavorando su uno studio di prefattibilità, anche perché il vecchio progetto del tratto Port Sant'Elpidio-Pedaso dovrebbe comunque essere adeguato alle normative attuali. Mi si conceda un’osservazione: forse non è un casuale che si stia finalmente trovando una soluzione concreta da quando c’è il Movimento, e cioè l’unica forza politica che non ha preso finanziamenti da Autostrade…». Aggiunge il senatore M5S: «per quanto riguarda l'impegno in corso nei lavori di adeguamento, per limitare al minimo i gravi disagi degli utenti, conciliando le esigenze di sicurezza e viabilità: se non ci saranno imprevisti i lavori dovrebbero terminare il 9 luglio». «Continuiamo inoltre a lavorare anche su una rimodulazione dei pedaggi, che tengano conto della reale situazione della viabilità, e che al momento sembrano spesso una beffa per gli utenti. Penso che sarà trovata una soluzione per ridurre i pedaggi per chi subisce i disagi», conclude Fede.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-06-2021 alle 10:55 sul giornale del 12 giugno 2021 - 137 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, Giorgio Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b6Rd





logoEV
logoEV