Pesaro: as

vaccinazioni ex ristò 1' di lettura 11/04/2021 - Il centro vaccinale di massa di Pesaro, all'ex Ristò, vaccina ogni giorno più di 800 persone.

Ma vi sono evidenti rallentamenti a causa del rifiuto di Astrazeneca, come evidenzia Elisabetta Esposto, direttrice del Distretto sanitario di Pesaro. "Purtroppo la pubblicità mediatica contro Astrazeneca, un vaccino che protegge al 100% da malattia grave e quindi ospedalizzazione e morte, genera continuo smarrimento alla popolazione e quindi tanto tempo per anamnesi e rallentamenti e dinieghi, invece che la corsa a farlo".

"Il rischio di evento grave tromboembolico con piatrinopenia è in generale pari a 3-4 casi su 25.000.000 di vaccinati con Astrazeneca (0 casi segnalati su persone con più di 60anni) - prosegue la direttrice - Il problema è che il rischio di contrarre il Covid-19 è molto, ma molto piu alto e su queste fasce ha un tasso di letalita' (morte su positivi al Covid) pari a: 26% >90 anni; 20% tra 80-90 anni; 10% tra 70-79 anni; 4% tra 60-69 anni."

"Ciò dimostra che è solo la paura che fa scegliere alle persone ultrasettantenni di correre il rischio maggiore e cioè di non vaccinarsi. Logico è che prima ci vacciniamo (Inghilterra, Israele docet) prima riapriamo tutto e finisce questo incubo", conclude Esposto.

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.4439462 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie).
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"






Questo è un articolo pubblicato il 11-04-2021 alle 12:02 sul giornale del 12 aprile 2021 - 128 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pesaro, vaccini, articolo, vaccinazioni pesaro, astrazeneca, vaccinazioni ex ristò

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bWXf