La Fermana si prepara ad un tranquillo finale di campionato 

5' di lettura 10/04/2021 - FERMO - Quart'ultima partita di serie C, domenica, ore 15, arriva a Fermo la Feralpi di Salò. La squadra gialloblù occupa una posizione di classifica ormai tranquilla, 41 punti, 13° posto con 10 punti di vantaggio sulle due quintultime che sono Fano e Legnago e ha ormai praticamente in tasca la salvezza come detto già da alcune settimane (vedi specchietto di classifica nella foto in basso). Le partite giocate adesso sono le stesse per tutti: 34. Per escludere anche in modo aritmetico la partecipazione dei canarini ai playout mancano due punti, che potrebbero arrivare già domani o alla peggio nelle prossime due partite; come ormai ripetuto però, di fatto il discorso salvezza è chiuso dopo la vittoria interna sul Modena. 

Anche il sogno play-off ormai è da ritenere chiuso per la Cornacchini band dopo il pareggio 0-0 di Ravenna. Sebbene la distanza che divide la Fermana dalla griglia degli spareggi promozione sia di sole 6 lunghezze, in mezzo ci sono tre avversarie, Gubbio, Virtus Verona e Mantova, e prima della fine del campionato potrebbe trovarcisi la Sambenedettese, che - secondo quanto reso noto dall'avvocato Eduardo Chiacchio - sarà penalizzata di sei punti, scendendo da quota 50 a 44 e che pertanto, se fosse penalizzata oggi scenderebbe all'11° posto, avendo però gli scontri diretti a favore della Fermana.

Al di là di questi calcoli puramente matematici che, come già ribadito, vanno giustamente fatti solo per precisione, anche l'allenatore dei gialloblù, Giovanni Cornacchini, dopo l'ultima partita ha fatto capire che la squadra ormai è stanca e che ha dato tutto il possibile - e forse anche l'impossibile aggiungiamo noi - per raggiungere con ampio anticipo il traguardo della salvezza che quando il tecnico fanese è arrivato sulla panchina canarina a dicembre era lontanissimo; ricordiamo che la Fermana occupava le ultime posizioni in classifica e che l'avvio di campionato era stato drammatico con un solo punto conquistato nelle prime cinque partite, uno dei peggiori ruolini di marcia degli ultimi venti anni. Senza dimenticare che dallo scorso agosto l'organico è stato smontato e rimontato più volte, fattore che spesso rende più difficile il percorso di una squadra, sebbene nel caso specifico la qualità e il tasso tecnico messo a disposizione di Giovanni Cornacchini siano aumentati rispetto a quello che c'era nelle prime tredici giornate con Mauro Antonoli in panca.
In conclusione, nelle quattro partite che restano la Fermana punterà solo a togliersi qualche soddisfazione, a provare una tipologia di gioco diverso, più propositivo e bello a vedersi, già iniziato da qualche settimana, e dare più spazio a chi ha giocato poco oppure valorizzare qualche giovane del vivaio.

La Fermana F.C. ha comunicato che mercoledì scorso, alla ripresa degli allenamenti dopo la sosta per le festività pasquali, l’intero gruppo squadra è stato sottoposto a un ciclo di tamponi molecolari che ha dato esito negativo.

LE PAROLE DI GIOVANNI CORNACCHINI ALLA VIGILIA - Sempre indisponibili Marco Comotto, Elian Demirovic, Donato De Pascalis e Luca Cognigni. Rientra invece tra i convocati Niccolò Bigica e salgono così a 25 i convocati.
Queste le parole del tecnico gialloblù alla vigilia della gara: “Come avevo già detto la pausa è arrivata nel momento ideale perché nelle ultime settimane avevamo speso tantissime energie fisiche e nervose e dopo Ravenna qualche giorno di sosta era necessario. La squadra è tornata a lavorare con la giusta mentalità, nel modo migliore possibile ed ora ci aspetta una gara molto complicata ma il nostro obiettivo è quello di fare punti. Non siamo ancora salvi matematicamente e vogliamo raggiungere questo obiettivo prima possibile. Non abbasseremo di certo il livello di attenzione e concentrazione, questo è sicuro. Daremo il massimo fino all’ultima gara, questa è la mia idea di calcio e quello che chiedo sempre alle mie squadre.
La Feralpisalò? Una squadra molto forte, un organico di primissimo ordine che secondo male assolutamente le prime posizioni della classifica. Ha giocatori dotati di grande tecnica ed esperienza, in categoria ma non solo. Una delle loro caratteristiche principali è l’inserimento delle mezzali in avanti, questi tagli possono dare fastidio e noi dobbiamo essere bravi a leggere certi movimenti e certe situazioni. Ci aspetta una gara molto impegnativa contro un avversario che ha come obiettivo quello di conquistare il miglior piazzamento possibile in chiave playoff
”.


I 25 CONVOCATI

Portieri: 1 Ginestra, 12 Colombo, 30 Massolo;
Difensori: 2 Manzi, 3 Mordini, 6 Manetta, 14 Scrosta, 21 Sperotto, 24 Rossoni, 28 Mosti, 32 Bonetto;
Centrocampisti: 4 Urbinati, 8 Kasa, 10 Iotti, 16 Fabris, 19 Grossi, 26 Bigica, 29 Grbac, 31 Graziano;
Attaccanti: 7 Cais, 11 Neglia, 17 Boateng, 18 Cremona, 23 D’Anna, 25 Palmieri.

QUATERNA ARBITRALE - Mario Davide Arace di Lugo di Romagna dirigerà Fermana-Feralpisalò; assistenti di linea Stefano Montagnani di Salerno e Rosario Caso di Nocera Inferiore; quato ufficiale Tommaso Zamagni di Cesena.

I PRECEDENTI, A FERMO PER I CANARINI UNA VITTORIA, UN PARI E UN KO - Con i salodiani tre incroci, tutti negli ultimi tre anni di serie C. A Fermo un anno fa finì 0-1 per i gardesani; due anni fa 1-0 per i canarini (penalty di Giandonato, gialloblù al 3° posto) e tre stagioni fa terminò 1-1 (secondo e ultimo gol in gialloblù di Edoardo Ferrante che pareggiò il vantaggio di Rocca).






Paolo Bartolomei


Questo è un articolo pubblicato il 10-04-2021 alle 14:11 sul giornale del 12 aprile 2021 - 124 letture

In questo articolo si parla di sport, fermana, paolo bartolomei, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bWU1





logoEV