Fermo: Festa nella Casa d Riposo di Montottone per i cento anni di Palmira Ermini

2' di lettura 22/03/2021 - Un bel momento goliardico vissuto da anziani ospiti e operatori , quanto mai necessario in questo triste momento di isolamento pandemico

Montottone. E’ stato un momento goliardico che ha ridato un po’ di umore e speranza agli ospiti della casa di riposo di Montottone che ieri mattina hanno festeggiato il primo secolo di vita di una di loro: Palmira Ermini, per tutti Palma, nata a Serrapetrona il 21 marzo del 1921, la cui vita lavorativa si è svolta per lo più a Rapagnano, dapprima come impiegata di Poste e poi del Comune.

Palmira è ospite della struttura di Montottone dal 2013 e all’alba dei suoi 100 anni è ancora una bella donna, molto curata nel suo aspetto, sempre con foulard, collana e gli immancabili occhiali da sole che le conferiscono un’aria molto trendy.

In questi anni di permanenza si è fatta apprezzare da colleghi e operatori diventando esempio di energia. Pur senza eccedere, non si è mai negata i piaceri della tavola , ghiotta particolarmente di cioccolato, ricotta con marmellata e gelato. Tifa la Yuve, gioca al gratta e vinci e , a chi esegue commissioni per lei, Palmira non fa mai mancare il suo ringraziamento, che sia il caffè pagato o una tavoletta di cioccolato regalata. Ha 3 figli, 2 maschi ed una femmina e diversi nipoti che, nonostante non possa più vedere di persona a causa delle restrizioni della pandemia che hanno blindato la Casa di riposo alle visite esterne, le hanno organizzato un rinfresco con tanto di torta e fiori e, collegati in video chiamata, le hanno cantato insieme a tutti gli ospiti e gli operatori, l’immancabile tanti auguri.

L‘omaggio floreale, oltre che rivolto alla festeggiata, ha coinvolto anche gli altri nonnini ai quali sono stati regalati dei vasi di violetta che ora potranno piantare durante le attività di animazione nel giardino.

Anche il Sindaco e il Parroco di Montottone, pur non potendo essere fisicamente presenti, hanno voluto recapitare i propri auguri alla centenaria, che si è ovviamente goduta la festa.

“ Si è trattato di un momento importante per la nostra comunità- ha commentato una operatrice della Casa di Riposo- un evento per stare insieme in allegria che ha dato un segnale di discontinuità in questo periodo così segnato dall’isolamento fisico dai propri affetti”.






Questo è un articolo pubblicato il 22-03-2021 alle 01:56 sul giornale del 23 marzo 2021 - 136 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, marina vita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bTK3





logoEV