Fano: Dalla Romagna sotto falso nome per spacciare cocaina: arrestato pusher già destinato al carcere

2' di lettura 17/03/2021 - Si presentava ogni mese, puntuale, con circa 35 grammi di droga pronta per essere consegnata. E non si trattava del classico pusher della porta accanto, ma di una sorta di ‘professionista’ in trasferta che attraversava la Romagna per far recapitare lo stupefacente tra Fano, Mondolfo e i dintorni di Pesaro. Tutto questo sotto falso nome. Anche perché, senza inventarsi un alter ego, sarebbe già probabilmente finito in carcere da un po’.

Si tratta di un 38enne di origini albanesi, ma residente a Rimini, che dovrà rispondere di cessione aggravata e continuata di cocaina e marijuana. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Fano hanno dato esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei suoi confronti dal giudice per le indagini preliminari di Pesaro, il dott. Francesco Messina.

Per il 38enne i guai sono cominciati lo scorso 3 dicembre, quando un 39enne era stato arrestato in via Fano a Mondolfo durante un regolare controllo anti-Covid. I militari di Colli al Metauro e Mondolfo volevano semplicemente accertarsi delle ragioni per le quali l’uomo – che si trovava al confine del proprio comune - si fosse spostato, ma a tradirlo era stato il suo nervosismo. Si era poi scoperto che nella tasca dei suoi jeans nascondeva ben 40 grammi di cocaina pura (i dettagli). È in quell’occasione che i carabinieri del nucleo operativo avevano notato una Peugeot 407 station wagon intenta ad allontanarsi in modo anomalo, e che in effetti era riuscita a far perdere le proprie tracce dirigendosi verso il casello autostradale. Dai successivi accertamenti si è poi scoperto che alla guida vi fosse proprio il giovane albanese di Rimini, e si è constatata la sua presenza tra Fano e Mondolfo in almeno un altro paio di occasioni. È altrettanto certo come, tra l’aprile e il dicembre 2020, il 38enne abbia rifornito di droga ogni mese il 39enne fermato in via Fano. Lo spaccio avveniva tra la Città della Fortuna, Mondolfo e il circondario di Pesaro, ma anche nella stessa Romagna.

Infine la scoperta della sua nuova identità. Dalle verifiche eseguite tramite l’Interpol e le autorità albanesi, è infatti emerso che il 38enne era già stato espulso dal territorio nazionale nel 2015, e che stava tuttora utilizzando delle nuove generalità per far perdere le proprie tracce. Questo perché su di lui era già pendente un ordine di carcerazione.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2021 alle 17:24 sul giornale del 18 marzo 2021 - 173 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, fano, mondolfo, pesaro, spaccio, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bS5o





logoEV