Jesi: Covid, firmato nuovo Decreto Legge: ecco le regole in vigore fino a Pasqua

Nuovo decreto legge, covid e pasqua 2' di lettura 14/03/2021 - Misure più rigide dal 15 marzo al 6 aprile: stretta sulle festività pasquali, anche le regioni gialle seguono le regole delle zone arancioni.

L'aumento dei casi in maniera massiccia e rapida, anche a causa della circolazione delle nuove varianti, ha costretto il Governo ad una stretta soprattutto in vista delle prossime festività pasquali. La regola che ora viene seguita per il passaggio in zona rossa, con tutte le conseguenze del caso, è l'incidenza cumulativa settimanale dei contagi superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti. Ma non solo. Anche le regioni gialle dovranno rispettare, sempre dal 15 marzo al 6 aprile, le regole valide per quelle arancioni. Sul passaggio in zona rossa, però, si darà maggiore autonomia ai governatori delle regioni e delle province autonome, soprattutto dove circolano maggiormente le cosiddette varianti.

Vediamo nel dettaglio come comportarsi, dunque, in virtù dell'entrata in vigore del nuovo Decreto Legge.

Spostamenti verso abitazioni private

Dal 15 marzo al 2 aprile, nonché il 6 aprile, è consentito, solo in zona gialla e in zona arancione e solo in ambito comunale, lo spostamento verso una singola abitazione privata, una volta al giorno e tra le ore 5 e le ore 22 (difatti nell restanti ore c'è il coprifuoco), nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle che già vivono in quella abitazione, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e ai disabili o non autosufficienti conviventi.
La possibilità di spostamento verso abitazioni private non si applica nella zona rossa (salvo quanto previsto nei giorni di Pasqua).

Regole speciali per i giorni di Pasqua
Il 3, 4 e 5 aprile, su tutto il territorio nazionale (fatta eccezione per la zona bianca) si applicano le misure stabilite per la zona rossa, ma sono consentiti gli spostamenti verso altre abitazioni private, all’interno della stessa Regione, una sola volta al giorno dalle 5 alle 22, nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14.

Confermate le sanzioni per chi infrange le regole
Le sanzioni previste all'articolo 4 del d.l. n. 19 del 2020, convertito, con modificazioni, dalla l. n. 35 del 2020 restano immutate (sanzione amministrativa da 400 a 3.000 euro).

Nel Decreto Legge sono infine contenute misure in favore dei genitori lavoratori con figli in DAD o a casa per quarantena
Per aiutare le famiglie con genitori lavoratori dipendenti a seguito della chiusura delle scuole, o se i figli sono in quarantena o hanno contratto il Covid, sono previsti congedi parzialmente retribuiti. Mentre i lavoratori autonomi, le forze dell’ordine, gli operatori sanitari possono optare per un contributo di baby sitting valido fino al 30 giugno 2021.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it


...

...






Questo è un articolo pubblicato il 14-03-2021 alle 11:45 sul giornale del 15 marzo 2021 - 136 letture

In questo articolo si parla di attualità, pasqua, jesi, decreto legge, cristina carnevali, articolo, covid

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bSuS





logoEV