L’assessore Carloni annuncia: ”200mila euro per le aziende a sostegno della coltivazione della barbabietola da zucchero”

2' di lettura 01/03/2021 - Approvati i criteri per l’attuazione di misure urgenti, connesse all’emergenza epidemiologica, per favorire la liquidità nelle aziende agricole a sostegno della coltivazione della barbabietola da zucchero.

Il provvedimento è stato approvato oggi dalla giunta su proposta del vicepresidente e assessore all’Agricoltura Mirco Carloni con uno stanziamento di 200mila euro per questo anno di semina.

“Con questo specifico atto – spiega Carloni – vogliamo aiutare concretamente gli imprenditori agricoli bieticolo-saccariferi che coltivano barbabietola da zucchero su terreni aziendali in modo biologico o tradizionale e che devono sostenere consistenti anticipazioni colturali che vanno dai 1500 ai 2000 euro per ettaro. Gli agricoltori infatti devono anticipare le spese per le attività che vanno dalle lavorazioni di preparazione dei terreni, fino alla raccolta del prodotto e del suo trasporto agli zuccherifici situati in Emilia Romagna e nel Veneto. In generale l’intenzione è quella di reinserire sul territorio regionale la coltivazione della barbabietola da zucchero, una volta protagonista dell’agricoltura marchigiana, ma poi azzerata. Per il momento siamo in una fase di sperimentazione – conclude Carloni -, ma l’auspicio è quello di un ritorno definitivo della barbabietola da zucchero sul territorio marchigiano e il sogno è la riattivazione di uno zuccherificio”.

L’intervento consiste nel pagamento di un aiuto “una tantum” ad azienda, per far fronte alla riduzione di liquidità legata alla pandemia da COVID–19, nonché alla esigenza di effettuare ingenti spese per le anticipazioni colturali della barbabietola da zucchero.

Il sostegno è concesso in forma di contributo forfettario in conto capitale tenendo conto degli ettari, seminati a barbabietola da zucchero nella Regione Marche, dichiarati in domanda e verificati nel corso dell’istruttoria su un campione del 5% estratto sulla base di criteri definiti nel bando. Il valore per ciascun ettaro di coltura sarà calcolato dividendo le risorse disponibili con il totale degli ettari ammissibili e comunque non potrà essere superiore a 200 euro.

La barbabietola da zucchero è una coltura importante sia per mantenere i corretti avvicendamenti colturali nelle diverse aree produttive della Regione Marche, sia per conservare le caratteristiche agronomiche dei suoli e prevenire l’insorgere di problematiche fitosanitarie. Altrettanto importante e inoltre sostenere la filiera italiana dello zucchero, garantendo la materia prima ai due zuccherifici in funzione nel territorio nazionale, a Pontelongo nel Padovano e a Minerbio in Emilia. Visto infine che la bietola è una fondamentale e insostituibile coltura da rinnovo, miglioratrice dei terreni e quindi molto importante soprattutto a livello ambientale, della sua reintroduzione ne potrà beneficiare tutta l’agricoltura marchigiana.

Le previsioni sono di circa 1200 ettari totali di cui 400 in bio ed un contributo ad ettaro di circa 150/180 euro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2021 alle 19:56 sul giornale del 02 marzo 2021 - 118 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQyl





logoEV
logoEV