Falconara: caporalato ed estorsioni in una ditta in appalto a Fincantieri, tre arresti

1' di lettura 15/02/2021 - Estorsione e sfruttamento dei lavoratori nel mondo della cantieristica navale: arrestati tre bengalesi responsabili di una ditta con sede a Falconara

Caporalato in una ditta in appalto alla Fincantieri, arrestati dai carabinieri di Monfalcone tre imprenditori bengalesi che avevano una ditta con sede a Falconara. Sono accusati a vario titolo di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, estorsione e somministrazione fraudolenta di manodopera.

I tre gestivano una società di Falconara operante in appalto diretto alla Fincantieri. Gli operai assunti, circa 170 in totale, lavoravano nei cantieri di Monfalcone, Genova ed Ancona di Fincantieri, società risultata estranea ai fatti.

L'inchiesta è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Monfalcone in collaborazione con i colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Gorizia e coordinata dalla procura di Gorizia.

Le indagini hanno consentito di scoprire le condotte illecite degli arrestati che, nella loro qualità di capocantieri si facevano restituire con le minacce circa il 15% dello stipendio percepito in busta paga dai lavoratori, quasi tutti loro connazionali. Chi si rifiutava veniva minacciato, anche tramite violenza fisica, con la riduzione dell'orario di lavoro o il licenziamento.

Altre somme venivano chieste per l'assunzione, dai 700 ai mille euro, o per poter usare gli armadietti di lavoro, 50 euro. A seguito dell'operazione sono stati sequestrati 31 mila euro dai conti degli arrestati.






Questo è un articolo pubblicato il 15-02-2021 alle 18:22 sul giornale del 16 febbraio 2021 - 287 letture

In questo articolo si parla di cronaca, falconara marittima, fincantieri, marco vitaloni, caporalato, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bObL