Pesaro: Al servizio dei pazienti più fragili, l'ex primario lascia l'ospedale per la Rsa di Macerata Feltria

2' di lettura 05/02/2021 - Da poche settimane ha lasciato il “suo” Pronto Soccorso presso l’Ospedale di Urbino, ed ora è di nuovo in campo per un’altra sfida: prendersi cura dei pazienti più fragili ricoverati presso la RSA di Macerata Feltria, affetti da infezione SARS-CoV-2.

Per il dr. Filippo Mezzolani, fino allo scorso 31 dicembre Direttore del Pronto Soccorso dell’ospedale di Urbino, il 1 febbraio 2021 comincia una nuova avventura. Un’avventura nata quasi casualmente, nel corso di una conversazione amichevole con il Direttore pro tempore del Distretto di Urbino, dr. Paolo Marchionni, che gli ha lanciato la provocazione: perché non vieni a darci una mano a Macerata Feltria? E il dr. Mezzolani ha accettato con entusiasmo. Così un primario, da poco “ex”, ha accettato una sfida nuova, con spirito di collaborazione e dedizione.

La RSA di Macerata Feltria è stata “riconvertita” a fine novembre in struttura Covid per fronteggiare le esigenze del territorio dell’Area Vasta, nel momento in cui la seconda ondata aveva creato focolai in diverse strutture residenziali dell’Area Vasta ed era indispensabile creare una struttura dedicata ai pazienti Covid. E nonostante che il livello assistenziale delle RSA non preveda la presenza fissa e costante di un medico, la Direzione dell’Area Vasta ha messo in campo risorse per fronteggiare le necessità di pazienti Covid-positivi con polipatologie, assicurando, fin dal 1 dicembre 2020, la presenza giornaliera di un medico che assicurasse continuità e garantisse le necessarie prestazioni. A tale presenza si è aggiunto anche il fondamentale supporto dei medici dell’Unità di Cure Intermedie di Fossombrone e dei medici USCA del Distretto di Urbino che hanno affiancato e sostituito il medico specificamente dedicato durante le sue assenze.

Al dr. Mezzolani gli auguri di buon lavoro, agli ospiti di Macerata Feltria la conferma che l’Area Vasta 1, attraverso il personale medico, infermieristico e sanitario continuerà a garantire le cure necessarie per cercare di ripristinare una condizione di salute fortemente gravata dalla infezione SARS-CoV-2. A tutti gli operatori la gratitudine della Direzione per l’attività che ormai da quasi un anno continuano a garantire con abnegazione ed altissima professionalità, talvolta anche con intelligenza creativa laddove le difficoltà oggettive hanno richiesto un surplus di impegno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2021 alle 15:53 sul giornale del 06 febbraio 2021 - 150 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, urbino, asur, pesaro, asur marche, area vasta 1, macerata feltri, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bMIY





logoEV
logoEV