CISL Marche: "La Regione ci incontri per risolvere le criticità del piano trasporti"

2' di lettura 30/01/2021 - Il ritorno in aula degli studenti delle scuole superiori nelle Marche ha confermato la validità delle indicazioni fornite dai sindacati per la messa a punto del piano trasporti. L’aumento degli autobus in servizio (circa 130 mezzi in più messi a disposizione dalle aziende) e il ricorso agli steward anti-assembramento a bordo e nelle fermate più frequentate dagli utenti stanno contribuendo a un generale buon funzionamento della strategia di contenimento della pandemia nel tragitto casa – scuola.

Rimangono tuttavia alcune criticità che occorre affrontare rapidamente, per la salvaguardia della salute di passeggeri e personale del trasporto pubblico. Le anomalie, che i nostri delegati stanno prontamente segnalando anche alle aziende, riguardano alcune tratte con maggiore frequentazione: nonostante l’aumento degli autobus in circolazione, è ancora possibile rilevare, specialmente in determinate fasce orarie, un maggiore affollamento, sia a bordo che nei principali punti della rete.

È inoltre indispensabile fare chiarezza sui limiti di capienza dei mezzi. La normativa nazionale prevede un limite del 50% rispetto ai posti totali, ma in un autobus capace di trasportare 80 persone (tra posti a sedere e posti in piedi) ciò si traduce nella possibilità di far salire a bordo fino a 40 persone, facendo però venir meno, date le limitate dimensioni dei veicoli, la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Occorrerebbe, dunque, agire con misure supplementari per garantire un livello di sicurezza ancora maggiore, a tutela degli utenti e degli operatori del trasporto pubblico locale.

Il piano trasporti sta generalmente funzionando in linea con le aspettative, ma è pur vero che nel recente confronto tra istituzioni, aziende e sindacati si era concordata la convocazione di successivi incontri per monitorare le eventuali correzioni del piano stesso. Per la Fit Cisl Marche è arrivato il momento di tradurre in fatti quel proposito: chiediamo, pertanto, alla Regione Marche di convocare un nuovo tavolo per risolvere, con risposte rapide, le criticità residue.

Questo ulteriore impegno consentirà, appoggiato da una adeguata comunicazione, di restituire ulteriore fiducia agli utenti del trasporto pubblico. Si nota ancora una certa “diffidenza” che si traduce in corse con pochissime persone a bordo. La sfida del futuro sarà proprio questa: riportare i passeggeri ad usufruire del trasporto pubblico senza timori per la propria salute






Questo è un articolo pubblicato il 30-01-2021 alle 15:31 sul giornale del 01 febbraio 2021 - 128 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, redazione, trasporto pubblico, territorio, covid 19

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bLSN





logoEV