Simone Rocchetti Presidente FIDAL Marche

3' di lettura 10/01/2021 - Tutti i risultati dell’assemblea svolta al Palaindoor di Ancona: 52,8 per cento di voti per il dirigente che guiderà l’atletica marchigiana nel prossimo quadriennio. Eletto il nuovo consiglio.

Simone Rocchetti è il nuovo presidente del Comitato regionale FIDAL Marche. Il risultato è di 1180 voti (52,80%) contro le 1045 preferenze (46,76%) per l’altro candidato Fabio Romagnoli nell’assemblea regionale ordinaria elettiva che si è tenuta al Palaindoor di Ancona.

A guidare l’atletica marchigiana per il prossimo quadriennio sarà quindi il 52enne anconetano residente a Macerata, avvocato di professione, che ha già avuto il ruolo di vicepresidente del Comitato (dal 2012 al 2016) dopo essere stato consigliere e giudice unico.

ceve il testimone da Giuseppe Scorzoso, a capo del movimento dal 2012 a oggi e in precedenza dal 1996 al 2004. Presenti all’assemblea 79 società su 81, per 2245 voti su 2255. Dieci i voti nulli. “Il cambiamento non ci deve spaventare - ha detto Simone Rocchetti - anzi stimolare. Servono proposte innovative per dare nuovo impulso e vigore: non piccole correzioni, ma neppure buttare via ciò che è stato fatto di buono, per riproporre il Comitato regionale come punto di riferimento per le richieste che provengono dalle società e traendo linfa vitale delle loro idee.

La presenza numerosa all’assemblea è segnale di attaccamento e i vostri atleti devono essere al centro della nostra attenzione”. Si è andati alle urne anche per il consiglio regionale che sarà composto da otto persone: Maria Gabriella Trisolino (1237), Mauro Ficerai (1234), Giuseppe Agabiti Rosei (965), Sergio Bambozzi (964), Alessandro Fineschi (955), Vinicio Ruggieri (944), Andrea Corradini (914) e Leonardo Sanna (896). Non eletti Giovanni Bettini (886), Carlo Mengoni (876), Bruno Toccacieli (826), Amedeo Mozzoni (630), Mario Giannini (271), Marco Falessi (184), Andrea Iommi (147), Graziano Bacchiocchi (49). Per la carica di revisore dei conti è stato confermato Mauro Granarelli con 2135 voti. In apertura ha esposto la propria relazione a consuntivo dell’attività svolta Giuseppe Scorzoso: “I risultati ottenuti, sul piano sportivo e organizzativo, sono dovuti al lavoro delle società e del consiglio regionale. Non sono mancate le criticità, ma anche nell’ultimo difficile anno c’è stato l’impegno costante per appoggiare le società sul territorio. Voglio ricordare chi mi ha preceduto: Roberto Del Brutto, per me un fratello maggiore, e Gigi Serresi che fino all’ultimo ha seguito l’attività. E poi Pasquale Del Moro, amico e avversario, Alessio Giovannini, e Giuseppe Ottaviani, che ci ha insegnato come può essere affrontata la vita”.

Prima di un appello per il futuro: “L’agonismo è bello, ma gli atleti alla fine della gara si abbracciano e vanno avanti. Dobbiamo rimanere uniti e avere la forza della comunità, perché la divisione non porta vantaggi anche se è giusto essere ambiziosi”. All’assemblea, valida in seconda convocazione e presieduta dal maestro dello sport Armando De Vincentis, erano presenti fra gli altri Marco Porcarelli, componente di giunta Coni Marche, Fabio Sturani e il “past president” Paolo Maria Mariotti, mentre ha portato il suo saluto Romano De Angelis e sono intervenuti Mario Giannini, Mauro Ficerai, Sandro Antognini, Andrea Corradini, Alessandro Fineschi, Sergio Bambozzi, Giovanni Bettini, Maria Gabriella Trisolino.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2021 alle 13:06 sul giornale del 11 gennaio 2021 - 189 letture

In questo articolo si parla di attualità, sport, atletica, redazione, fidal marche, territorio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bIHH