Continuano le mostre impossibili al Centro Commerciale FanoCenter

1' di lettura 01/12/2020 - Si protrae fino al 13 dicembre l'iniziativa che mette in esposizione le grandi opere del Rinascimento riprodotte in altissima definizione.

Dopo il grande successo di queste settimane, continuano al Centro Commerciale Fanocenter Le Mostre Impossibili, l'innovativa iniziativa che permette di osservare a 360° l’arte rinascimentale italiana del XV, XVI e XVII secolo.

Se volessimo vedere i capolavori di Leonardo Da Vinci, dovremmo viaggiare in tutto il mondo attraverso Italia, Francia, Russia, Stati Uniti e tanti altri Paesi. La disseminazione dei capolavori di uno stesso artista in città diverse, infatti, rende impossibile avere una visione d'insieme dei grandi pittori. Nasce così, l’idea di fare “Un viaggio nella bellezza tra i capolavori dell’arte italiana” attraverso una selezione di 30 opere d’arte tra le più famose di tutti i tempi, esposte in un unico spazio espositivo con riproduzioni in dimensione reale (1:1) ad altissima definizione e leggermente retroilluminate. La mostra è articolata in quattro sezioni che declinano il concetto di bellezza come canone estetico e il suo manifestarsi nel mondo della vita, della trascendenza e del pensiero: “Amore come slancio vitale”, “Maria: la bellezza del sacro”, “Bellezza e intelletto” e “Coraggio e seduzione”. I visitatori del Centro potranno disporre, direttamente sul proprio smartphone, anche di una guida multimediale con testi, audio e video illustrativi.

Fanocenter si trova in via Einaudi 30 a Fano. La Galleria comprende 55 negozi, bar e ristoranti, tra cui numerosi marchi fashion e DeguStazione, la spettacolare area ristorazione ambientata in una stazione ferroviaria di inizio ‘900.






Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 01-12-2020 alle 11:21 sul giornale del 02 dicembre 2020 - 393 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pubbliredazionale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bD60

Leggi gli altri articoli della rubrica pubbliredazionale





logoEV