Ancona: sequestrati beni immobili per 600 mila euro ad un 50enne pluripregiudicato

1' di lettura 11/06/2020 - Nel 2018 gli era stata confiscata una villa del valore di un milione di euro. Ora nei confronti di un 50enne residente ad Ancona, ritenuto socialmente pericoloso in quanto condannato per diversi reati contro il patrimonio, è scattata una serie di altri sequestri di beni per un patrimonio complessivo di 600 mila euro

L'operazione è stata condotta dai militari del GICO del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Ancona. I beni sono stati sequestrati ad un 50enne di origini pugliesi che per anni ha gestito ad Ancona, assieme alla moglie, un'attività di commercio di prodotti ittici.

L'uomo ha alle spalle una lunga serie di reati commessi a partire dai primi anni ‘90 come truffa, ricettazione e reati fallimentari. Condotte illecite che gli hanno consentito di accumulare un notevole patrimonio, non coerente con i redditi dichiarati.

Le indagini delle Fiamme Gialle hanno permesso di accertare che i beni sequestrati, intestati ai figli e a due società amministrate da un prestanome, sono stati acquistati con i proventi delle attività illecite del 50enne. Si tratta di un'auto e tre immobili, tutti situati ad Ancona: una villetta a schiera con garage, un opificio in zona porto e un appartamento di cinque vani.








Questo è un articolo pubblicato il 11-06-2020 alle 11:31 sul giornale del 12 giugno 2020 - 294 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sequestro, guardia di finanza, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bnI3





logoEV