Coronavirus, morto l'urbanista Vittorio Gregotti: progettò la sede della Regione Marche

1' di lettura 16/03/2020 - È morto domenica a Milano Vittorio Gregotti, uno dei padri della moderna architettura italiana. Aveva 92 anni. Tra i suoi tanti progetti realizzati anche la sede della Regione Marche ad Ancona

Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, l’architetto è scomparso a causa delle conseguenze di una polmonite da coronavirus. Nato a Novara nel 1927, urbanista di fama internazionale, è stato anche saggista e teorico dell'architettura.

Tra i tanti progetti realizzati in Italia e all'estero si ricordano il piano di sviluppo del quartiere Bicocca di Milano; il Centro Culturale di Belem a Lisbona; le università di Palermo, Firenze e della Calabria; il quartiere Zen di Palermo; il teatro degli Arcimboldi di Milano; lo stadio Ferraris di Genova, realizzato per i mondiali di Italia '90. Nel 1987 si occupò anche del progetto del palazzo della Regione Marche.






Questo è un articolo pubblicato il 16-03-2020 alle 17:03 sul giornale del 17 marzo 2020 - 338 letture

In questo articolo si parla di cronaca, architettura, marco vitaloni, articolo, coronavirus, vittorio gregotti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bhNU





logoEV