Civitanova: Coronavirus, chi va al bar per una birra, chi a comprare francobolli, chi a lavare l'auto: 15 le denunce dei carabinieri

carabinieri di notte 2' di lettura 16/03/2020 - I carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche durante il fine settimana hanno svolto servizio di controllo del territorio al fine di assicurare la puntuale osservanza alle stringenti disposizioni per il contrasto ed il contenimento della diffusione del Covid-19 sull’intero territorio nazionale.

Nel corso dei controlli sono state deferite alla Procura della Repubblica di Macerata un numero ancora troppo alto di persone che, in deroga alle restrittive misure sociali adottate per la mobilità e le attività, continuano ad uscire di casa senza giustificato e reale motivo. In totale sono state deferite 15 persone nel fine settimana appena trascorso, tutte responsabili a vario titolo di inottemperanza ai provvedimenti dell’autorità (art. 650 c.p.), in relazione all’art.1 dei decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministeri emanati in data 8, 9 ed 11 marzo 2020. Diverse e delle più disparate le motivazioni addotte.

Un uomo trovato al bar del distributore di benzina a Porto Potenza ha dichiarato essersi fermato per fare carburante ma, all’esito degli approfondimenti dei militari, è emerso che non aveva la macchina con se, bensì era arrivato fin li a piedi ed esclusivamente per consumare una birra.

Un collezionista di francobolli della provincia, invece, ha ritenuto valida la sua passione per la numismatica, tale che si è sentito autorizzato a lasciare la propria abitazione ed arrivare fino alle porte di Ancona per concludere un acquisto urgente di tessere bollate. C'è chi ha pensato bene di uscire domenica pomeriggio da casa per andare a lavare la macchina all’impianto di autolavaggio automatico sul lungomare, ritenendo erroneamente rientrasse tra le condizioni assimilabili allo stato di necessità.

Tre giovani maceratesi sono stati controllati sabato notte a bordo dell’autovettura di uno di loro a Morrovalle, hanno serenamente dichiarato di fare rientro a casa dopo una cena tra amici, sono stati quindi denunciati insieme ad un uomo che, residente a Pollenza, è stato rintracciato in tarda serata di sabato a Civitanova Marche e, opportunamente interpellato, non ha saputo giustificare la sua presenza, comunque non riconducibile a comprovate esigenze lavorative, stato di necessità, spostamenti per motivi di salute.

Altri due giovani stranieri regolari sono stati rintracciati domenica mattina alla stazione ferroviaria di Civitanova Marche provenienti da Macerata, hanno riferito doversi incontrare con alcuni loro connazionali per trascorrere del tempo insieme, ovviamente, al pari degli altri sono stati tutti invitati a fare immediato rientro presso le rispettive abitazioni, domicili e/o residenze e deferiti.

"I servizi di prevenzione generale sinora svolti, seppur indirizzati alla puntuale verifica del rispetto delle misure di contenimento imposte, sono sempre conditi da equilibrio e necessaria sensibilità e tesi a sollecitare la responsabile adesione della popolazione, anche attraverso l’esercizio di assidua ed instancabile attività di informazione qualificata che l’Arma rivolge quotidianamente al territorio", precisa il capitano Massimo Amicucci.






Questo è un articolo pubblicato il 16-03-2020 alle 17:00 sul giornale del 17 marzo 2020 - 2010 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bhNx





logoEV