Corinaldo: trovato senza vita a Malta, giallo sulla morte di Manuel Giovannelli

2' di lettura 12/03/2020 - Una telefonata di quelle che un genitore non vorrebbe mai ricevere, di quelle che ti toglie il respiro. Come quella che hanno ricevuto i genitori di Manuel Giovannelli, 42 anni, di Corinaldo ma da qualche tempo a Malta per lavoro, il cui corpo senza vita è stato trovato in mare a Malta.

Una notizia che ha sconvolto tutti. Le notizie che arrivano dall'isola dove Manuel lavorava come veterinario sono poche e confuse, anche per i familiari. Al momento quello che è emerso è che il corpo di Manuele è stato rinvenuto il 9 marzo in acqua, in prossimità della costa. Resta il giallo di come il veterinario corinaldese sia potuto finire in acqua. Forse un malore mentre passeggiava, forse uno scivolone, forse una caduta.

A cercare contatti a Malta era stata per prima la mamma di Manuel, Anna Grossi, molto conosciuta e stimata in paese per il suo impegno a favore di iniziative culturali e artistiche cittadine, ma anche perchè fa parte dell'associazione “Il Capricorno” con cui anche l'Amministrazione Comunale collabora. Dall'8 marzo infatti Manuel era irreperibile. Dopo all'allarme lanciato il tragico epilogo dell'altro giorno.

Proprio il sindaco Matteo Principi, scosso per la notizia, ricorda Manuel. “Conoscevo Manuel e alla sua famiglia va tutta la mia vicinanza e quella dell'Amministrazione Comunale – ricorda il primo cittadino- ogni estate, quando tornava a Corinaldo dove vivono i suoi genitori passava a trovarmi. Era una persona concreta, determinata e molto vitale. Davvero una notizia che non avremmo mai voluto apprendere”. Commovente la poesia con cui la mamma Anna ricorda il figlio.

“Arriva il momento in cui devi fermarti…perché tu sei la persona che corre sempre, per tutti e ti rendi conto che sei stanco. Stanco di capire, stanco di regalare il tuo tempo di correre in aiuto di chi per te, non accenna un passo. E allora ti fermi perché hai bisogno di chiudere le ali di capire, di pensare. Per andare incontro a un altro giorno, al tuo futuro in compagnia dei sogni e dei tuoi pensieri. Saprai rialzarti, camminerai, sorriderai, sospirerai guarderai il cielo e saprai che potrai tornare di nuovo a volare. Come solo i gabbiani sanno fare nell’infinita idea di libertà”. La salma di Manuel atterrerà venerdì 13 marzo alle 12 a Fiumicino per arrivare a Corinaldo nel tardo pomeriggio.






Questo è un articolo pubblicato il 12-03-2020 alle 23:59 sul giornale del 13 marzo 2020 - 2494 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, corinaldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bhBr





logoEV