counter

Fermo: LE IDEE DEGLI ALTRI: I grandi progetti non sopportano le incrostazioni dell'individualismo

3' di lettura 05/02/2020 - Emanuele Frontoni è Professore di Computer Visione e Deep Learning presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'Università Politecnica delle Marche. Sino a qualche giorno fa è stato immerso nel BIGDAT2020, «una intensa settimana di lezioni e di incontri» svoltisi presso l’Aula Magna della sua Facoltà

Ancona s'è trasformata per cinque giorni nella sede della più importante scuola al mondo sui temi dei Big Data e dell’Intelligenza Artificiale.
Ha attirato nelle Marche numerosi universitari esteri e relatori di calibro internazionale, tra cui Charles Elkan, Wil van der Aalst e Jiawei Han.
L’organizzazione è stata curata dallo stesso Frontoni e dal prof. Domenico Ursino per l’Università Politecnica delle Marche, e da Flavio Tonetto in rappresentanza del mondo industriale, insieme con i fondatori dell’iniziativa: Carlos Martin Vide e David Silva.

Frontoni ha tenuto a raccontarlo come esempio di forza attrattiva della nostra regione. Si può fare, insomma!
Così come – sottolinea – si sta facendo, ormai da cinque anni nel sud Marche (Fermano e Maceratese) con l'International Student Competition nata dalla collaborazione tra Università di Macerata, Politecnica delle Marche e Laboratorio Piceno della Dieta mediterranea.
Esempi che mostrano come il mondo risponda alle chiamate interessanti ma come necessiti, a monte, uno spirito di collaborazione!, ripete più volte.
Perché il grandissimo problema marchigiano, specie della fascia sud, è ancora l'individualismo.
«Un male cronico. Si fa – precisa – una grandissima fatica a lavorare insieme».
Ma qualcosa può cambiare, intervenendo sulla mentalità dei giovani, sulla loro cultura.
«Occorre allenarli a fare cose insieme e occorre responsabilizzarli». Per il docente è determinante che i giovani facciano esperienza in giro per il pianeta. Il metodo Erasmus è eccezionale. «Andando in altri paesi, conoscendo altri modi di vita, si torna meno individualisti».

Poi, un suggerimento alla classe politica: «Debbono valorizzare coloro che fanno, creano, costruiscono, al di là di ogni schieramento o parte. Valorizzare il tanto di buono che c'è nella nostra terra, e che cresce. Sono esempi da mostrare».
Si continua a guardare ad una monocultura quando esempi forti arrivano da altri settori. Frontoni cita diverse imprese marchigiane, come la Sigma, la Alley Informatica, la Nuova Simonelli.

Un altro invito: «Far capire ai ragazzi che il mondo è complesso, che occorre faticare, approfondire. Non è un click e tutto si risolve».
E ancora, un messaggio trasversale a giovani, imprenditori, scuole, politici: «Occorre vedersi e concepirsi come tessere di un puzzle». Frontoni non risparmia qualche critica alla logica dei bandi pubblici che sono perfetti nelle regole, con algoritmi ineccepibili nelle selezioni, ma a volte sono staccati dalla realtà vera. L'astraggono.

Un richiamo è anche a non aver paura della tecnologia che, usata bene, è un grande aiuto per l'umanità. Un caso: i neonati monitorati tramite l’intelligenza artificiale, quella culla particolare ideata da un gruppo di ricercatori marchigiani, quattro dei quali proprio dell’Università Politecnica.

In chiusura, Frontoni riassume i passi che occorrerebbe fare: maggiori investimenti in cultura, educazione ad uno sguardo positivo sul mondo e sua conoscenza, un maggior numero di laureati. «La percentuale è troppo bassa». C'è da fare tanto!




Adolfo Leoni


Questo è un articolo pubblicato il 05-02-2020 alle 16:49 sul giornale del 06 febbraio 2020 - 363 letture

In questo articolo si parla di lavoro, giovani, informatica, marche, erasmus, politecnico, adolfo leoni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/bfVZ





logoEV
logoEV