counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sanità, Rifondazione: "L’ultima beffa del Governo regionale"

2' di lettura
776

"Il 4 febbraio l’approvazione del piano sanitario che cura e guarisce solo le tasche dei padroni", sabato scorso il volantinaggio alla Coop di Jesi.

Martedì 4 febbraio alle ore 10.00 prossimo il Consiglio Regionale delle Marche proverà ad approvare il Nuovo piano Sanitario e Sociosanitario per il triennio. Giustamente comitati, associazioni e cittadini saranno davanti alla sede del consiglio, e noi con loro, per dissentire e chiedere che quel piano non sia votato. Infatti, prima dei contenuti è stato il metodo ad escludere ogni interlocuzione vera con la società marchigiana, ad evitare ogni verifica dei reali bisogni di salute dei cittadini, a nascondere le criticità evidenti del sistema e delle sue articolazioni territoriali.

Di più, nei fatti, più che sindaci (soprattutto quelli dei piccoli comuni) e territori ( in particolare quelli delle zone periferiche e dell’ entroterra) sono stati ascoltati i colossi dell’ imprenditoria sanitaria ( di fatto il gruppo De Benedetti si sta mangiando tutto il settore della riabilitazione) e quelli dell’ edilizia, visto che il nuovo piano prevede la costruzione di tre/quattro nuovi ospedali in” projet financing “ e ovviamente, in seguito una gestione dove il privato la farà da padrone.

Intanto il nuovo piano “razionalizza” prevedendo il ridimensionamento o la chiusura di diversi ospedali (ex ) di zona, trasformandoli in “ospedali di comunità” e offrendo spazi e strutture alle attività private. Per non dire poi del disastro della “sanità territoriale” che nonostante l’impegno dei lavoratori della sanità non riesce a dare efficaci risposte, conseguenza indiretta del caos nei pronto soccorso e delle inesauribili liste d’attesa.

Senza un nuovo protagonismo della società civile, senza la partecipazione dei cittadini, senza l’ascolto dei territori, un po’ come i famosi “ladri di Pesaro” i consiglieri regionali ,anche quelli che a parole hanno tuonato il dissenso, (uno per tutti, l’ineffabile presidente della Commissione santità, ”protoassessore” per gran parte della legislatura, Volpini) faranno un po’ di ammuina e alla fine licenzieranno uno strumento che regalerà un altro pezzo del sistema sanitario ai privati e ai loro interessi.

Anche per questo continueremo il nostro impegno per informare i cittadini e i lavoratori del settore (dove, incredibile ma vero, esistono ancora sacche, soprattutto nel settore dell’assistenza sociosanitaria, di precarietà e bassi salari) e anche sabato saremo davanti ad alcuni ospedali della regione ad ascoltare e a condividere con i cittadini i problemi, per cercare insieme risposte e mobilitazione.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-02-2020 alle 09:30 sul giornale del 04 febbraio 2020 - 776 letture