counter

Uniti per le Marche non si rassegna ad una coalizione minoritaria: "Il centro sinistra è altamente competitivo"

1' di lettura 31/01/2020 - Uniti per le Marche non ha alcuna divisione interna, ma piena comunione di intenti. Sta lavorando alla composizione delle liste elettorali che sono quasi al completo, con figure di spicco del mondo civico, ambientalista e progressista.

Ci sarà una forte presenza di rappresentanti della società civile, dal leader del sardine marchigiane, al simbolo del latta per i diritti di genere nelle Marche. Noi non ci rassegniamo ad una colazione minoritaria, ma proponiamo un modello vincente che confermi il centro sinistra alla guida della regione. Il destino del centro sinistra e del buon governo delle marche vengono prima di ogni destino personale. Al tavolo regionale ogni forza politica può proporre legittimante un candidato come ha fatto il pd con Ceriscioli e siamo pronti a valutare alternative valide qualora vi fossero.

Attualmente registriamo solo veti ma nessuna proposta valida, in grado di allargare la coalizione e renderci più competitivi. Unica condizione che renderebbe un candidato più competitivo di un altro. Attualmente in assenza di un accordo generale solo le primarie potrebbero essere lo strumento per arrivare ad una scelta condivisa.

Maurizio Cionfrini Psi
Matteo Morbidoni + Europa
Gianluca Carrabs Verdi
Massimiliano Bianchini Civici






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-01-2020 alle 15:38 sul giornale del 01 febbraio 2020 - 1294 letture

In questo articolo si parla di politica, marche, uniti per le marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/bfKm





logoEV
logoEV