counter

Pesaro: Qualità della vita: Pesaro scende al 53° posto, la peggiore delle Marche

pesaro|palla di pomodoro| 1' di lettura 17/12/2019 - Scende la qualità della vita a Pesaro, lo dice l'annuale indagine de Il Sole 24 Ore. La nostra provincia si piazza al 53° posto ed è il fanalino di coda della Regione.

L'indagine de Il Sole 24 Ore che ogni anno misura il benessere nelle 107 province italiane stilando una classifica sulla base di una serie di indicatori (quest’anno sono 90), ha decretato il peggioramento della qualità della vita a Pesaro.

Nel 2019 Pesaro si ferma al 53esimo posto della graduatoria generale mentre l’anno scorso era al 42esimo. Questo è il risultato peggiore da trent'anni a questa parte, nel 1991 eravamo al 7° posto.

Mentre a livello nazionale sono Milano, Bolzano e Trento le città dove si vive meglio, in ambito regionale vince Ascoli Piceno che risulta la prima provincia delle Marche nella annuale classifica sulla qualità della vita: è 26/a, salendo a di un posto rispetto al 2018. Le altre province sono piuttosto distanziate: Ancona al 31/o, seguita da Macerata al 32/o, Fermo è 50/a, invariate rispetto al 2018, mentre Pesaro Urbino è 53/a e perde ben 11 posizioni.

Entrando nel dettaglio delle classifiche singole Pesaro migliora in Ricchezza e Consumi (dal posto 63 al 52) e Giustizia e Sicurezza (dal posto 40 al 19), mentre perde posizioni in Ambiente e Servizi (dal posto 44 al 93), Affari e Lavoro (dal posto 44 al 71), Demografia e Società (dal posto 24 al 45) e Cultura e Tempo libero (dal posto 27 al 36).

Le città italiane dove si vive peggio sono Caltanissetta preceduta da Crotone, Enna, Foggia e Vibo Valentia che abbandona l’ultimo posto del 2018.






Questo è un articolo pubblicato il 17-12-2019 alle 09:14 sul giornale del 18 dicembre 2019 - 290 letture

In questo articolo si parla di pesaro, arnaldo pomodoro, palla di pomodoro





logoEV
logoEV