counter

Palpeggiò una minorenne al parco, condannato quarantaquattrenne di Cagli

1' di lettura 18/12/2019 - Ha patteggiato un anno e mezzo di carcere B.P., il quarantaquattrenne originario di Pianello di Cagli, che lo scorso mese di ottobre era stato arrestato, con l'accusa di violenza sessuale, per avere palpeggiato una ragazzina in un parco pubblico a Pesaro.

L'episodio era accaduto martedì 15 ottobre nell’area verde di Piazza Puccini, un gruppo di ragazzini era stato avvicinato da due persone adulte che avevano iniziato a rivolgere apprezzamenti insistenti nei confronti di una ragazzina.

Non contento e non appagato dai semplici apprezzamenti, uno dei due, B. P., si era avvicinato alla minorenne allo scopo indurla a scoprirsi il seno ed in seguito aveva iniziato a toccarla e a palpeggiarla.

Il pronto intervento di due pattuglie della Polizia Locale, allertate dai ragazzi, aveva consentito di individuare i due uomini: uno arrestato per violenza sessuale (B.P.) e l'altro denunciato a piede libero per avere allontanato in modo minaccioso e violento i giovani minorenni (C.S.).

Interrogato dal Giudice delle Indagini Preliminari, il quarantaquattreene aveva ammesso ogni responsabilità, sostenendo di averlo fatto "per gioco", essendo totalmente ubriaco.






Questo è un articolo pubblicato il 18-12-2019 alle 15:58 sul giornale del 18 dicembre 2019 - 197 letture

In questo articolo si parla di cronaca, cagli, pesaro, violenza sessuale, condanna, articolo, antonio mancino, pianello di cagli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/befF





logoEV
logoEV