Legge elettorale: la Prima Commissione approva la riforma

1' di lettura 09/10/2019 - La Prima commissione affari istituzionali ha approvato una serie di modifiche alla legge elettorale del 2004 per l'elezione del Consiglio e del Presidente della Giunta regionale. A favore hanno votato i consiglieri Giacinti, Biancani, Minardi, Urbinati (Pd) e Maggi (M5s), mentre non hanno partecipato al voto i consiglieri Marcozzi (FI) e Carloni (Area popolare) che hanno abbandonato i lavori della seduta.

Le modifiche introducono la doppia preferenza di genere con il limite minimo del 40% di candidature per ciascun genere nelle liste, recependo la legge nazionale del 2016. Introdotta inoltre l'incompatibilità tra le funzioni di consigliere e assessore, prevedendo che il consigliere regionale una volta nominato assessore è sospeso dalla carica di consigliere per la durata dell'incarico, e la supplenza, così come previsto dalla legge vigente, sarà affidata al candidato che, nella stessa lista e nella stessa circoscrizione, segue immediatamente l'ultimo eletto.

Approvati anche aggiornamenti nella raccolta delle firme per le liste e negli orari di apertura degli uffici per la loro sottoscrizione. La commissione ha accolto e approvato anche un emendamento, a firma del presidente Giacinti, che ridefinisce la percentuale per il cosiddetto “premio di maggioranza”, assegnando 18 consiglieri alla coalizione vincente che ha riportato una cifra elettorale pari o superiore al 40% e inferiore al 43%, 19 consiglieri se la cifra supera il 43%. La commissione tornerà a riunirsi lunedì 14 ottobre.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-10-2019 alle 15:06 sul giornale del 10 ottobre 2019 - 537 letture

In questo articolo si parla di politica, marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbsi





logoEV