Tutela lavoratori piattaforme digitali, Busilacchi: "Norma apripista per introduzione di una disciplina organica"

2' di lettura 23/07/2019 - Foodora, deliveroo, glovo, just eat…solo per dirne alcune. Sono le “App” digitali accomunate dal fatto di offrire ai clienti (tanti!) servizi a domicilio, utilizzando la prestazione lavorativa di fattorini (una volta pony express, oggi meglio conosciuti come riders) che, però, non risultano e, peggio ancora, non vengono riconosciuti come dipendenti delle Società che detengono la proprietà della piattaforma digitale.

Questa situazione è da tempo e sempre più frequentemente sotto la lente dei media, di esperti nel campo del diritto del lavoro, dei sindacati e della politica che, però, continua a galleggiare nel tentativo di individuare risposte univoche e significative.

Nel frattempo a rimetterci sono quei prestatori autonomi (nessuno è ad oggi inquadrato come dipendente, poiché la prestazione lavorativa non è organizzata dal committente, in quanto a tempo e orario di lavoro) ai quali non viene riconosciuta una benché minima forma di tutela.

Da oggi, anche le Marche entrano a far parte del gruppo di testa delle Regioni che si sono attivate alla ricerca di una disciplina base per questa tipologia di lavoratori. L’iniziativa di legge è del consigliere regionale di Art.1, Gianluca Busilacchi, che cerca, seppur in pochi articoli, di fissare alcuni punti fermi e non derogabili della contrattazione.

“Il mio intento – spiega Busilacchi – era proprio questo, cioè individuare dei principi cardine e delle regole chiare ed univoche, in un contesto che necessita di un urgente aggiornamento delle istituzioni giuridiche del lavoro. Ritengo che l’articolo di apertura di questa proposta di legge racchiuda tutto il senso dell’iniziativa, cioè tutelare quei lavoratori, anzitutto attraverso forme di conoscenza del loro rapporto di lavoro. Pertanto – aggiunge Busilacchi – occorre che tale rapporto di lavoro sia sancito in un contratto scritto che contenga regole trasparenti”.

Altro punto centrale è quello dell’informazione.

“Le lavoratrici e i lavoratori delle piattaforme digitali – prosegue l’esponente di Art.1 – hanno il diritto di ricevere tutte le informazioni utili da parte del committente per la tutela dei loro interessi, dei loro diritti e della loro sicurezza, in modo tale da poter esercitare scelte consapevoli e consequenziali a ciò che viene loro proposto”.

La proposta di legge ha, già, ottenuto un riscontro positivo da parte di altri consiglieri regionali (Fabio Urbinati, Boris Rapa e Luca Marconi) che hanno provveduto a sottoscriverla.


da Gianluca Busicacchi
consigliere regionale MdP





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-07-2019 alle 15:10 sul giornale del 24 luglio 2019 - 492 letture

In questo articolo si parla di attualità, gianluca busilacchi, Busilacchi, MPD, Tutela lavoratori piattaforme digitali, Tutela lavoratori, piattaforme digitali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9Xk