Porto Recanati: viola il divieto di avvicinamento alla ex, ai domiciliari 33enne

1' di lettura 01/06/2019 - I carabinieri della locale stazione, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Macerata – Dott Manzoni Giovanni -, su richiesta della Procura della repubblica di Macerata – Pm Caruso - che aveva pienamente condiviso le risultanze investigative, hanno arrestato un tunisino 33enne di Recanati in aggravamento della misura di avvicinamento a una giovane donna di Porto Recanati, violata lo stesso giorno della notifica il 27 maggio scorso.

La misura era stata emessa in quanto l’uomo non accettava la fine della loro relazione e per questo aveva iniziato a minacciarla tanto che per i suoi comportamenti era stato denunciato per rapina avendole sottratto con la forza il telefono cellulare nonché per violenza privata e violazione di domicilio.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari come disposto dall’autorità giudiziaria.






Questo è un articolo pubblicato il 01-06-2019 alle 16:58 sul giornale del 03 giugno 2019 - 520 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, redazione, recanati, porto recanati, Sara Santini, articolo