counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

Sentenza shock contro Marianna Manduca: lo sdegno a Porta a Porta con ospite Carmelo Calì

2' di lettura
1620

La sentenza della Corte d'Appello che ha tolto il risarcimento ai figli di Marianna Manduca, uccisa dal marito nonostante le 12 denunce, continua a fare scalpore. Sdegno e indignazioni sono i sentimenti comuni che accomunano in questi giorni milioni di italiani.

Anche Bruno Vespa, nella puntata di Porta a Porta andata in onda su Rai Uno martedì 26 marzo, ha trattato la notizia che ha sconvolto mezza Italia. La Corte d'Appello in secondo grado ha assolto la Procura della Repubblica (quindi lo Stato stesso) condannata invece in primo grado a risarcire i tre figli di Marianna, rimasti orfani a causa dell'uxoricidio. In primo grado lo Stato era stato condannato a risarcire i tre figli in quanto lo Stato stesso non aveva fatto nulla per tutelare le donna che aveva denunciato ben 12 volte suo marito, tanto che l'uomo alla fine l'ha uccisa.

Una sentenza che rappresentava una svolta (che metteva finalmente lo Stato di fronte alle sue responsabilità nei troppi casi di donne vittime di femminicidio nonostante le denunce sporte verso i propri aguzzini) e che forse, proprio per questo, aprirebbe la strada a troppi risarcimenti. Questo il dubbio sollevato nei dibattiti dei vari salotti televisivi. Appare infatti incomprensibili e ingiustificabili le motivazioni della Corte di Appello che ha tolto il risarcimento ai tre figli di Marianna adducendo la motivazione che "la donna sarebbe stata uccisa lo stesso". Ora l'ultima speranza è risposta nella Cassazione, ultimo grado di giudizio. Il ricorso, che verrà presentato dalla famiglia Calì, se sarà accolto renderà giustiizia una volta per tutte alla tragedia di Marianna.

La vicenda di Marianna Manduca tocca particolarmente anche Senigallia dal momento che i suoi tre figli vivono in città, dopo essere stati adottati dallo zio Carmelo Calì, anche lui ospite a Porta a Porta. Il dramma di Marianna è stata anche la trama del film, girato a Senigallia, e interpretato da Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti, trasmesso su Rai Uno nel novembre scorso.





Questo è un articolo pubblicato il 27-03-2019 alle 12:04 sul giornale del 28 marzo 2019 - 1620 letture