counter

Ancona: Sprangate e peperoncino negli occhi, aggredito da una gang all'uscita da scuola

Polizia 2' di lettura 05/02/2019 - L’hanno aspettato fuori dalla scuola, dov’era andato a prendere il cugino per accompagnarlo a casa. Armati di spranghe e polvere al peperoncino, l’hanno aggredito, picchiato e mandato all’ospedale, strappandogli il cellulare dalle mani. Poi sono saliti in autobus e se ne sono andati.

Pensavano di averla fatta franca, ma al capolinea di piazza Rosselli hanno incrociato i poliziotti che li hanno arrestati. Dovranno rispondere di rapina aggravata in concorso e lesioni personali aggravate i 4 ragazzi, tutti d’origine asiatica ma residenti ad Ancona (uno dei quali minorenne) protagonisti di un pestaggio avvenuto ieri all’ora di pranzo, all’uscita dall’istituto scolastico Podesti Calzecchi Onesti di Passo Varano.

Le telecamere di videosorveglianza hanno permesso agli agenti delle Volanti di risalire agli aggressori. Il 18enne, appartenente a una famiglia rom, si trovava nel parcheggio quando ha incrociato due dei rivali. Si è avvicinato, forse per chiarire vecchi rancori, ed è stato subito assalito con il getto della polvere di peperoncino. Quindi è stato inseguito, circondato e percosso con calci e pugni, anche mentre era a terra, dai quattro coetanei. Durante la colluttazione sono state usate anche una spranga di ferro e una bottiglia di vodka vuota. La vittima è riuscita a divincolarsi e scappare, ma nella fuga gli è stato strappato il cellulare, poi rinvenuto dalla polizia in mano ai fuggitivi, insieme al peperoncino e alla spranga, lunga 70 centimetri, nascosta sotto il giubbino di uno di loro.

Il giovane, con il volto insanguinato, si è rifugiato all’interno della scuola, da dove sono stati chiamati i soccorsi. Al Podesti sono intervenuti il 118, la Croce Rossa e le Volanti che hanno subito visionato le immagini e dato la caccia al branco, intercettato nei pressi della stazione. Il 18enne, che ha sporto denuncia, è stato dimesso dall’ospedale di Torrette con 10 giorni di prognosi. Sulle cause del pestaggio si indaga: potrebbe essersi trattato di una spedizione punitiva o un regolamento di conti fra bande di stranieri.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite WhatsApp, Telegram, Messenger e Viber di VivereAncona
Per Whatsapp aggiungere il numero 350 053 2033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereancona o cliccare su t.me/vivereancona.
Per Facebook Messenger cliccare su m.me/vivereancona.
Per Viber cliccare su chats.viber.com/vivereancona.


   

di Matteo Ripanti

redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 05-02-2019 alle 15:00 sul giornale del 06 febbraio 2019 - 1578 letture

In questo articolo si parla di scuola, cronaca, ancona, aggressione, articolo, Polizia Questura di Ancona volanti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/a3ZL