counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPORT
articolo

Calcio: la Jesina chiude l’anno con una vittoria molto preziosa

4' di lettura
254

Dire che la Sangiustese ha deluso è un dato di fatto, ma è un po’ come sminuire i meriti di una Jesina che ha invece legittimato pienamente la vittoria, giocando con grande forza e coraggio.

Dopo una sconfitta pesante come quella di Forlì, che poteva aver lasciato qualche strascico a livello mentale, non era per niente affatto scontato che la squadra potesse affrontare questo ultimo match dell’anno, riuscendo a esprimersi bene.

Come ha detto Ciampelli a fine partita «posso dire senza paura di essere smentito, che abbiamo una squadra, forte o scarsa non so, ma abbiamo una squadra, con dei grandissimi valori, con un cuore grandissimo e questo alla fine fa la differenza».

Non è stata una partita facile: è paradossale dirlo, ma il gol è arrivato molto presto e la squadra ha dovuto raddoppiare attenzione ed energie, per limitare il ritorno della Sangiustese. Poi con il passare dei minuti, dopo il riposo, la Jesina è cresciuta notevolmente, riuscendo a imporre il proprio ritmo.

Ciampelli ha dovuto fare ameno di Nonni, colpito da un improvviso lutto familiare alla viglia del match. La squadra gli ha dedicato la vittoria.

Il tecnico di casa ha spedito in campo sin dal primo minuto il neo acquisto Cruz Pereira, proprio il giocatore che ha sbloccato il risultato, con un tiro a fil di palo, dopo aver aggirato un impacciato Scognamiglio. Tanto impacciato che si era inizialmente pensato a un fallo dell’attaccante jesino nel liberarsi, ma le immagini hanno smentito tale ipotesi.

In sala stampa il tecnico Senigagliesi ha dichiarato che si può perdere per un proprio errore o dell’arbitro, ma che con ottantanove minuti a disposizione, c’era tutto il tempo per rimediare. Difficile dargli torto.

Come detto la Jesina trova il vantaggio al 1’: Cruz Pereira sorprende prima Scagnamiglio, poi il portiere Chiodini, forse non impeccabile nell’occasione. 1-0!

Al 21’ Ricci protegga palla in mezzo a tre difensori, il rasoterra è però impreciso e termina a fondo campo.

La Sangiustese si fa vedere per la prima e probabilmente ultima volta, al 31’: conclusione di Camillucci da venti metri, palla fuori dallo specchio della porta.

Al 35’ la Jesina sciupa la palla del 2-0. Cross insidioso di Marini, Riccio colpisce male con la testa da ottima posizione, mandando sul fondo.

Il riposo non giova alla Sangiustese, che al contrario si trova di fronte una Jesina che ha trovato coraggio e sicurezza, così la azioni più pericolose sono proprio dei leoncelli.

Al 10’ Ricci si aggiusta il pallone, sul limite della area ospite e lascia partire una conclusione a effetto, alta di poco.

Jesina pericolosa anche dai calci piazzati: al 19’ bella battuta molto angolata di Bordo, Chiodini vola per salvare la propria porta.

Al 27’ bella azione di Cruz Pereira, invitante pallone per Magnanelli che però conclude mandando la palla sopra alla traversa.

Azione tutta in velocità al 31’. Triangolo Cameruccio, Ricci, Cameruccio, la cui battuta finisce sull’esterno della rete ospite.

Ancora Magnanelli pericoloso, al 32’. Calibra un pallone a fil di palo, con Chiodini probabilmente fuori causa, palla di poco a fondo campo.

In pieno recupero la Jesina resta in dieci, per l’espulsione forse troppo frettolosa, di Magnanelli. Rosso diretto per un fallo su Pluchino, neanche troppo grave.

Per la Jesina un successo importante prima della pausa natalizia. Di calcio giocato si riparlerà fra due settimane.

JESINA-SANGIUSTESE 1-0

Jesina: Anconetani, Martedì, Pasqualini, Marini, Riccio, Bordo (20’ st Magnanelli), Trudo (21’ st Fracassini), Yabrè, Cruz Pereira (33’ st Pierandrei), Ricci (31’ st Matinata), Cameruccio (45’ st Bubalo). All.: Ciampelli.

Sangiustese: Chiodini, Shiba (33’ st Buaka), Moracci (4’ st Pezzotti), Perfetti, Patrizi, Scognamiglio, Tizi (16’ st Kamara), Camillucci, Cheddira, Ceroni (18’ st Pluchino), Santagata. All.: Senigagliesi.

Arbitro: Zanotti di Rimini.

Reti: 1’ pt Cruz Pereira

Ammoniti: 18’ pt Scognamiglio, 33’ pt Camilucci, 39’ pt Moracci, 11’ st Shiba, 38’ st Cameruccio. Espulso: 47’ st Magnanelli.

Spettatori: 700 circa

Calci d’angolo: 4-3



Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2018 alle 18:37 sul giornale del 24 dicembre 2018 - 254 letture