counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Controlli sul pescato: la Guardia Costiera sequestra 30 chili di molluschi e multa un ristorante cinese

1' di lettura
723

Nella giornata di lunedì gli uomini e donne della Guardia Costiera di Senigallia, sotto il coordinamento del Centro Controllo Regionale Area Pesca della Direzione Marittima di Ancona, sono stati impegnati in una meticolosa attività di accertamento e di prevenzione sulla filiera di commercializzazione dei prodotti della pesca nell’ambito del Comune di appartenenza.

Al vaglio dei militari, la corretta conservazione del pesce e la manipolazione dei prodotti ittici, dallo sbarco alla vendita e somministrazione al consumatore finale dei prodotti. Tra le rivendite controllate è stato accertato presso un noto ristorante cinese della zona la presenza di circa 30 chili di molluschi cefalopodi (del tipo seppie) congelati sprovvisti di ogni informazione obbligatoria sulla loro tracciabilità e salubrità.

Gli alimenti rischiosi per la sicurezza alimentare sono stati immediatamente sequestrati affinché non arrivassero nei piatti dei clienti dell’esercizio e al proprietario è stata inflitta una pesante multa di alcune migliaia di euro. L'attenzione degli uomini in divisa crescerà nel corso del mese, specialmente con l'avvicinarsi delle festività e del conseguente incremento delle vendite di pesce.

"La normativa vigente è decisamente stringente, ma comunque molto chiara - ha affermato il comandante della Guardia Costiera di Senigallia Eugenio MY - ed è compito del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera tutelare l'intera filiera ittica, ponendo al centro della nostra attività non solo la salvaguardia delle risorse ittiche, ma soprattutto la tutela del consumatore".





Questo è un articolo pubblicato il 27-11-2018 alle 17:44 sul giornale del 28 novembre 2018 - 723 letture