counter

Mancato finanziamento del Fondo Sociale d'Ambito, interrogazione di Busilacchi

Disabile 1' di lettura 25/10/2018 - Dal 2015 la Regione Marche non finanzia più il Fondo sociale d’Ambito. Il problema viene posto al centro dell’attenzione in un’interrogazione sottoscritta dal consigliere Gianluca Busilacchi (Art 1 – Mdp) nella quale si chiedono risposte alla Giunta in relazione allo stato di attuazione della legge regionale 32 del 2014 sul “Sistema regionale integrato dei servizi sociali a tutela della persona e della famiglia”, con particolare riferimento agli ambiti sociali ottimali.

Gli altri quesiti contenuti nell’interrogazione riguardano le motivazioni che hanno portato alla sospensione dei finanziamenti, se si intenda ripristinare il fondo e quali siano le scelte per sostenere e sviluppare le attività degli stessi ambiti, tenuto anche conto delle maggiori competenze ad essi attribuite.

Busilacchi ricorda che in passato il fondo prevedeva una disponibilità economica annua tra i 5 ed i 10 milioni di euro per il finanziamento dei 23 Ambiti territoriali sociali delle Marche. Attraverso questa risorsa economica venivano sostenute principalmente le spese di organizzazione e gli interventi sociali di interesse generale per tutto il territorio dell’ambito.

“In assenza del fondo – spiega Busilacchi – sono venute a mancare le risorse per garantire un’adeguata struttura organizzativa e contemporaneamente sono aumentate le competenze. Non si può pensare di assolvere efficacemente alle tante attività sociali ed alle relative funzioni senza le adeguate risorse, soprattutto in un momento come questo in cui la crisi economica ha reso le necessità sempre più impegnative e crescenti nei settori della povertà, della disabilità, della vecchiaia, dei minori”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-10-2018 alle 12:00 sul giornale del 26 ottobre 2018 - 427 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, disabile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aZK4





logoEV
logoEV