counter

Basket: l’Aurora non riesce a chiudere la partita, sconfitta al supplementare

3' di lettura 24/10/2018 - La Termoforgia non riesce a tornare con i due punti dal campo della Bakery Piacenza, perdendo quello che aveva le caratteristiche di uno scontro diretto.

Per la squadra di Cagnazzo un’occasione gettata al vento e quindi il rammarico è tanto; la Bakery non si è dimostrata affatto superiore, ha avuto solo il merito di piazzare un paio di break allungando nel punteggio, costringendo la Termoforgia a inseguire. Forse per una classifica ancora bloccata, forse per il giocare di fronte al proprio pubblico, la squadra emiliana ha tenuto sempre alta la concentrazione, senza però mai riuscire a strappare la partita di mano all'avversaria. Nel supplementare è stato proprio un parziale a favore della squadra di casa a spostare gli equilibri.

La Termoforgia può rimproverarsi di non essere riuscita a sfruttare i due ultimi attacchi del tempo regolamentare, sull'89-89. Per la verità nella prima occasione Piacenza ha potuto spendere fallo senza mandare Dillard in lunetta, non avendo esaurito il bonus, quando mancavano 4” alla sirena finale. Subito dopo la squadra di casa è riuscita a difendere bene in occasione dell’ultimo attacco di Dillard e il play jesino non è riuscito a centrare il canestro.

La Termoforgia ha vissuto il momento peggiore del match proprio a inizio supplementare, forse inaspettatamente, visto la maniera con cui aveva rimesso meritatamente le mani sulla partita: il coach di casa Coppeta ha chiesto di giocare la palla più vicino a canestro, dal momento che i lunghi jesini Rinaldi e Totè erano a quota 4 falli ed ha avuto ragione, se si pensa che Crosariol ha scavato un primo solco diventato improvvisamente profondo, il resto, a vanificare l’estrema rimonta della squadra di Cagnazzo, lo ha fatto proprio l’ex Green (nella foto tratta dal sito ufficiale della Bakery), con 3 tiri liberi, che hanno chiuso il match.

Adesso si attende la partita di sabato sera con la Fortitudo Bologna, ad alto rischio vista la forza dell’avversaria. Potrebbero sorgere ulteriori complicazioni, in quanto sembra che la sfortuna si sta accanendo con l’Aurora e sabato potrebbe esserci una defezione importante. Siamo in attesa di una nota ufficiale della società. Per ora no comment.

BAKERY PIACENZA-TERMOFORGIA JESI 104-96 d-1t.s. (20-19; 26-21; 21-26; 22-23; 15-7)

Bakery: Castelli 10 (3/3, 0/3), Green 6 (0/3, 1/5), Pederzini 16 (6/12, 0/1), Crosariol 17 (5/12), Pastore 15 (0/3, 5/6), Bossi n.e., Perego 7 (3/4, 0/0), Cassar 4 (2/4, 0/0), Guerra n.e., Voskuil 29 (3/4, 6/12), Bracchi n.e., Buffo n.e. All.: Coppeta.

Tiri liberi 24/28. Rimbalzi 31, 5+26 (Crosariol 7) – Assist 30 (Green 10)

Termoforgia: Dillard 17 (3/6, 3/9), Baldasso 10 (2/5, 2/6), Rinaldi 27 (5/10, 3/3), Jones 18 (6/9, 1/9), Totè 16 (7/11, 0/0), Kouyate n.e., Mascolo 3 (1/5, 0/0), Santucci n.e., Valentini n.e., Mwananzita n.e., Lovisotto 5 (1/2, 1/1). All.: Cagnazzo

Tiri liberi 16/22. Rimbalzi 42, 11+31 (Jones 13) – Assist 21 (Dillard 10)






Questo è un articolo pubblicato il 24-10-2018 alle 23:03 sul giornale del 25 ottobre 2018 - 302 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aZKr