Senigallia: pusher con il "push-up" arrestata dai carabinieri, in manette 19enne fresca di diploma

2' di lettura 12/07/2018 - Sorpresa nella vendita di “hashish”, con servizio a domicilio, una giovane pusher è arrestata martedì sera dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Senigallia, coordinati dal maggiore Cleto Bucci.

I Carabinieri di Senigallia, in abiti borghesi, nella lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti in città, hanno notato dei movimenti sospetti nei pressi del garage di un’abitazione della zona di via Capanna e sono subito intervenuti. La vendita di una dose di “hashish” era appena avvenuta. Coinvolte due giovani, una 19enne senigalliese ed una 22enne di origini albanesi. I militari si sono qualificati ed hanno chiesto di consegnare la sostanza stupefacente in loro possesso.

Dopo un attimo di esitazione, la 22enne, residente nello stessocondominio, ha consegnato un piccolo involucro di plastica blu, contenente una dose di hashish, acquistato alcuni istanti prima, per 10 euro, dall’altra 19enne che si era recata appositamente presso la sua abitazione per la consegna a domicilio della droga. I Carabinieri, convinti che non fosse tutta quella la droga consegnata, hanno rinnovato la richiesta e, questa volta, la 19enne ha tirato fuori altre due bustine di cellophane, che teneva nascosta una per ciascuna coppa del reggiseno indossato. Le bustine contenevano ognuna diverse dosi di hashish, già pronte per la vendita.

I militari, a quel punto, hanno perquisito l’abitazione della studentessa rinvenendo, nella sua camera da letto, un ulteriore involucro di plastica con un altro pezzo di hashish, ancora da porzionare, un bilancino elettronico di precisione e del materiale per il confezionamento delle dosi. Inoltre nel portafogli della ragazza è stata rinvenuta la somma in contanti di euro 180 in banconote di piccolo taglio. La studentessa è stata condotta in caserma dove è stata eseguita la pesatura della sostanza stupefacente che, sottoposta a drug test, è risultata “hashish” con un peso complessivo di circa 30 grammi.

La 19enne, studentessa “fresca” di maturità, è stata dichiarata in arresto e, su disposizione del PM, è stata condotta presso la sua abitazione agli arresti domiciliari, dove è rimasta fino a mercoledì mattina, quando è stata poi accompagnata dai Carabinieri dinanzi al Tribunale di Ancona che ha convalidato l’arresto. Il processo è stato rinviato al 20 settembre prossimo. Continuano i controlli dei Carabinieri nelle principali piazze di spaccio con particolare riferimento ai Giardini Morandi ed ai giardini di Piazza del Duca davanti alla Stazione.








Questo è un articolo pubblicato il 12-07-2018 alle 15:46 sul giornale del 13 luglio 2018 - 1228 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aWxy





logoEV
logoEV