counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPORT
comunicato stampa

Volley: la Lube resta in vetta, battuta anche Molfetta (3-1)

5' di lettura
604

Tanti applausi ma niente sconti tanti ex biancorossi tornati nelle Marche con la maglia dell’Exprivia Molfetta: dal bomber Sabbi (oggi top scorer con 22 punti) al giovane Partenio (ben tre tricolori giovanili con la Lube), fino all’ancor più baby Vitelli, esordiente nella massima serie proprio con i cucinieri, due stagioni fa.

Contro la formazione di Gulinelli capitan Stankovic e compagni balbettano un set ma si impongono 3-1 (25-15, 22-25, 25-20, 25-17), conquistando la loro vittoria numero undici in dodici giornate di SuperLega Unipolsai, utile a mantenere il primato solitario in graduatoria (allungando a due i punti di vantaggio su Trento, oggi vittoriosa al tie break con Monza) in vista del big match di domenica prossima a Modena, per l’ultima di andata.

La partita

Primi due set decisi dall’efficacia del servizio. Nel primo sono le bordate di Sokolov e la float di Candellaro a scavare un gap immediato per i marchigiani (11-8), che poi prendono decisamente il largo forti di un attacco ad altissima efficacia in posto 4 (80% sulle schiacciate sia per Juantorena che per Cebulj, tornato titolare e spesso chiamato in causa con la pipe) e anche sulle vie centrali (100% per Stankovic e Candellaro). Massimo vantaggio Lube sul 20-14 firmato da Sokolov, finisce 25-15 dopo un muro di Juantorena su Polo.

Nel secondo parziale i padroni di casa sono avanti 18-15 con un ace di Cebulj ed il successivo contrattacco vincente di Juantorena. Quando la situazione sembrava insomma ben salda nelle mani di Christenson e compagni, ecco invece la rimonta dell’Exprivia Molfetta, trascinata dal turno in battuta di Olteanu, che guadagna la parità a quota 18 (ben 5 gli ace dell’Exprivia nel set), e dal sangue freddo di Joao Rafael (6 punti col 60%, stesso bottino per Sabbi che attacca invece col 67%), che sancisce il sorpasso ospite murando Sokolov, e poi conquista anche il break mettendo a terra un contrattacco (20-18).

I pugliesi chiudono il set sul 25-22 a proprio favore. E continueranno a dar filo da torcere ai propri avversari anche nel terzo, tanto da riuscire a rimontare dal 7-10 al 13-11 (muro vincente di Sabbi), per poi però arrendersi dinanzi all’ennesimo turno al servizio decisivo della sfida, che stavolta è di Tsvetan Sokolov (7 punti). Con i suoi ace consecutivi la Cucine Lube Civitanova, che getta nella mischia Kaliberda al posto di Cebulj, vola sul 18-15 e va a chiudere 25-20, mettendo in vetrina un ritrovato cambio palla (5 punti e 83% di efficacia in attacco per Juantorena, che insieme a Sokolov è il più servito da Christenson) e anche buone giocate in difesa con Pesaresi protagonista.

Il quarto parziale diventa subito un monologo grazie al gran turno in battuta di Kaliberda (12-5). Chiude Juantorena con una pipe, 25-17. Tsvetan Sokolov è l’Mvp, per lui 20 punti (54% di efficacia su 26 attacchi e 6 ace).


Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 20, Candellaro 10, Pesaresi (L), Kaliberda 5, Juantorena 21, Casadei n.e., Stankovic 7, Kovar n.e., Christenson 1, Cester n.e., Grebennikov, Corvetta n.e., Cebulj 9. All. Blengini.

EXPRIVIA MOLFETTA: Polo 2, Vitelli 6, Jimenez, Partenio, Del Vecchio, Rafael 12, Pontes 2, Olteanu 10, Sabbi 22, De Pandis (L), Porcelli n.e., Hendriks n.e., Cormio n.e.. All. Gulinelli.

ARBITRI: Zanussi (TV) – Frapiccini (AN).

PARZIALI: 25-15 (22’), 22-25 (29’), 25-20 (27’), 25-17 (26’).

NOTE: Spettatori 3347, incasso Euro 29868. Lube bs 18, ace 13, muri 7, ricezione 48% (33% prf), attacco 67%, errori 2. Molfetta bs 15, ace 8, muri 5, ricezione 46% (22% prf), attacco 51%, errori 8.

Lube-Molfetta, le dichiarazioni nel dopo gara

Gianlorenzo Blengini : "Prova molto convincente nel primo set, poi abbiamo aspettato un po' troppo per vedere se l'avversario spingeva o mollava: questo non possiamo permettercelo, Molfetta ha fatto ottime gare con Perugia e Modena, stasera ha dimostrato di saper mettere in difficoltà anche noi. Nel terzo e quarto set siamo stati bravi a sistemare vari aspetti, come gli obiettivi in battuta e alcune situazioni a muro, specialmente sui tempi di salto, e a portare a casa la vittoria, ovvero quello che conta. In queste gare non è mai semplice scendere in campo, i nostri avversari rischiano al massimo su ogni palla. Adesso ci attende un periodo intenso, con le trasferte di Modena e Berlino: questi ragazzi sono abituati a giocare ogni tre giorni, inoltre questa squadra ha la virtù di avere tante soluzioni".

Micah Christenson : "Sono molto contento di questa vittoria, contro un Molfetta sicuramente in forma, guidato da Sabbi. Tre punti importanti, soprattutto in vista della prossima gara di Modena: è ancora presto per pensarci, loro sono molto forti e lo sappiamo, hanno vinto tutto nella scorsa stagione. Dunque massima concentrazione, vogliamo affrontare al meglio l'impegno di domenica prossima".

Tsvetan Sokolov : "Stasera dopo il primo set abbiamo dato la possibilità a Molfetta di tornare in partita, ma alla fine siamo riusciti ad entrare in campo dal terzo set concentrati per portare a casa i tre punti. Dobbiamo ancora crescere in tanti aspetti, specialmente a muro dove oggi non siamo stati molto incisivi: arrivano infatti gare che contano tanto, vedi con Modena e la Champions League. Gli errori commessi oggi e altre imprecisioni devono sparire. Come dico sempre, in questo momento la classifica non è molto importante, siamo a metà stagione e ci sono ancora tantissime partite davanti: sono le ultime gare a contare di più".

Nicola Pesaresi : "Grande prestazione di tutta la squadra stasera, non siamo stati perfetti ma bravi a portare a casa il risultato. Molfetta è partita sotto tono, nel secondo parziale i pugliesi però hanno fatto vedere di essere in grado di mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Ma nel terzo e quarto set abbiamo chiuso i conti. Ora ci attende il match di Modena, che definirà la classifica del girone di andata: speriamo di chiuderlo nel modo migliore".



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2016 alle 22:23 sul giornale del 28 novembre 2016 - 604 letture