counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Ancona: “Sono un boscaiolo e cerco lavoro in città” e gira nel capoluogo con un'ascia. Guai per un 54enne e molti altri nei controlli serrati di Polizia

3' di lettura
4997

Continuano i servizi straordinari di prevenzione della Polizia di Stato grazie ai piloti del reparto volo di Pescara.

Sull’elicottero gli agenti hanno fornito una costante copertura aerea a tutte le pattuglie che hanno pattugliato via terra tutto il capoluogo. I risultati della task force messa in campo dal questore Oreste Capocasa: 714 persone controllate, 268 veicoli ispezionati, 197 cittadini stranieri identificati, 11 locali pubblici controllati. Nulla è stato tralasciato, stazioni ferroviarie, sottopassaggi, aree industriali e commerciali, parcheggi, porto, piazze e giardini pubblici. Proprio in un parco cittadino, in via Sacripanti, gli agenti delle Volanti, verso le 17.00 di giovedì hanno sorpreso un gruppetto di giovani che tra schiamazzi, salti tra panchine e corse tra le aiuole richiamavano l’attenzione dei passanti. Dieci i ragazzi identificati, tutti anconetani tra i 18 e i 19 anni. Mentre gli agenti stavano procedendo alla verifica dei documenti, due di loro, scostandosi dal gruppo, hanno cercato di gettare due pallottole di carta sotto una panchina prima di sedervisi sopra per aspettare il proprio turno di controlli. I poliziotti si sono però accorto subito e li hanno fatti alzare rinvenendo così i due involucri contenenti marijuana. I due, incensurati, dopo le formalità i rito sono stati segnalati alla Prefettura locale come assuntori di sostanze stupefacenti, mentre gli altri sono stati ammoniti ad allontanarsi dal parco. Una telefonata al 113, intanto, avvisava di un furto appena avvenuto in un esercizio commerciale del Piano. Il proprietario ha raccontato al l'operatore di aver sorpreso una donna mentre occultava sotto il giaccone alcune confezioni di salumi prima di darsi alla fuga. Dopo aver raccolto la descrizione, gli agenti impegnati nel controllo del territorio hanno intercettato la donna in corso Carlo Alberto mentre tentava di confondersi tra i clienti di un locale pubblico. Bloccata e identificata come una 28enne rom con a carico numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, è stata invitata ad aprire il giubbotto da cui, dopo vani tentativi di nasconderlo, sono spuntati due tranci di prosciutto confezionati sottovuoto per un valore di circa 80 euro. I 7 kg di affettato trafugato sono stati restituiti immediatamente al legittimo proprietario, mentre la donna è stata denunciata per furto aggravato e munita di un foglio di via obbligatorio dalla città. Sono le 20.30 circa quando gli agenti delle Volanti fermano per un controllo un 54enne dell'Est Europa in via Flaminia. Durante l’identificazione e il controllo della patente, i poliziotti hanno potuto notare sul sedile posteriore una coperta in pile a scacchi che sembrava nascondere qualcosa. Alla richiesta di che cosa trasportasse, l’uomo, dopo qualche titubanza, si è deciso ad alzare la coperta mostrarne il contenuto: un'ascia. “Sono un boscaiolo e cerco lavoro in città” . Una scusa che non ha convinto le divise, vista la città di mare in cui voleva intraprendere l’attività. L'uomo è stato denunciato per possesso ingiustificato di arma e, essendo emerso che non aveva rinnovato il permesso di soggiorno, è stato accompagnato presso l’Ufficio Immigrazione che sta ora valutando la sua posizione sul territorio nazionale. In mattinata un 19enne marocchino, verso le 11.00, è entrato in un negozio di abbigliamento all’interno di un centro commerciale del capoluogo. Ha girovagato un po' tea gli scaffali. Poi ha preso una maglia sportiva ed è sparito nel camerino. Ha strappato il sistema antitaccheggio (bucando il collo della maglia) e ha cercato di uscire dall'esercizio senza pagare. Non si era però accorto della presenza di un'altra placca antitaccheggio sul capo di abbigliamento. Immediato l'intervento degli addetti alla vigilanza per bloccare il ladro che, però, è riuscito a raggiungere l’uscita. Ma ad attenderlo mentre correva in via I maggio c'era una "pantera", dopo che il 113 era stato allertato. Accompagnato in Questura, è stato arrestato per furto aggravato.



Questo è un articolo pubblicato il 25-11-2016 alle 19:49 sul giornale del 26 novembre 2016 - 4997 letture