counter

Maiolati: si improvvisa detective e chiama i carabinieri per far arrestare il ladro

Il maggiore Iurlaro nuovo comandante della caserma dei cc di jesi 2' di lettura 17/10/2016 - Prosegue ed ha successo la collaborazione tra cittadini e l’Arma dei Carabinieri, che cooperano nella cosidetta sicurezza partecipata.


E' passata neppure una settimana dall’arresto di un cittadino marocchino per rapina, grazie all'intervento di un Vigile del Fuoco e di un suo amico (LEGGI QUI), ed è di oggi un'altra operazione dei carabinieri resa possibile grazie alla collaborazione di un marocchino.
Domenica pomeriggio, il giovane ha chiamato il 112 chiedendo l’urgente intervento di una pattuglia per bloccare un uomo, che comunque stava pedinando in attesa dell’arrivo dell’Arma, che poco prima a Moie si era reso responsabile di un furto in abitazione e immediatamente dopo di un furto su autovettura parcheggiata lì vicino.

I carabinieri sono rimasti in continuo contatto telefonico, mantre sul posto è arrivato un equipaggio del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Jesi. In via Dante Alighieri i carabinieri hanno bloccato un uomo di 38 anni di nazionalità tunisina, con numerosi precedenti per furto in abitazione, e che aveva con sè una bicicletta e 50 euro, rubati poco prima dall’autovettura dello stesso proprietario della bicicletta.

Il tunisino (R.H.) è stato condotto in caserma per gli approfondimenti del caso, nel corso dei quali si accertava che egli non solo aveva numerosi precedenti specifici, ma era anche destinatario di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, oltre che senza fissa dimora.

Stante la dinamica dei fatti, l’extracomunitario è stato dichiarato in arresto per furto in abitazione e trattenuto nella camera di sicurezza del comando, in attesa della convalida e del rito direttissimo.

All’esame dell’Aliquota Radiomobile ci sono decine di furti commessi all’interno di garage di abitazioni Pianello Vallesina per verificare l’eventuale corrispondenza delle impronte rilevate con quelle dell’attuale arrestato.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 17-10-2016 alle 11:20 sul giornale del 18 ottobre 2016 - 2508 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aCoL





logoEV
logoEV