counter

Terremoto: individuato il corpo del rifugiato afghano. Curcio, 'Chiudere le tendopoli il prima possibile'

1' di lettura 05/09/2016 - E’ stato individuato il corpo del rifugiato afghano, rimasto sepolto sotto le macerie della sua casa ad Amatrice, a seguito della violenta scossa di terremoto dello scorso 24 agosto.

Le operazioni di recupero, però, precisano i tecnici, sono complesse in quanto ciò che resta della sua casa è franato. Il bilancio delle vittime sale quindi a 296. Intanto sono state chiuse le ricerche tra le macerie dell’hotel Roma poiché non risulterebbero altre persone disperse.

Nella zona del Centro Italia, colpita dal sisma di magnitudo 6.0 delle 3.36 del 24 agosto, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha registrato finora oltre 5000 scosse ma, ora, a preoccupare maggiormente è l’avviso di condizioni meteo avverse diramato dalla Protezione Civile ed il clima. Pertanto il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, auspica di chiudere le tendopoli il prima possibile e di iniziare a spostare, in tempi brevissimi, le categorie di persone più fragili.

Attualmente le persone assistite nei campi e nelle strutture allestite a seguito del sisma sono 4.807.






Questo è un articolo pubblicato il 05-09-2016 alle 18:56 sul giornale del 06 settembre 2016 - 941 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Sudani Alice Scarpini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aARy





logoEV
logoEV