counter

Ancona: perquisizione all'alba a Candia, filippino pizzicato con cellulare rubato

Polizia generico 1' di lettura 11/08/2016 - Perquisizione inaspettata per un 62enne filippino residente ad Ancona. Mercoledì mattina inpoliziotti della Mobile dorica lo hanno raggiunto a casa al termine di un’attività di polizia giudiziaria finalizzata alla ricerca di uno smartphone rubato verso i primi di giugno in Corso Garibaldi.

La vittima, una ragazza che lavora presso una nota pizzeria del centro. Il 3 giugno scorso, dopo essere scesa dall’autobus in piazza Cavour, diretta al lavoro, si sarebbe accorta di essere stata derubata del suo Samsung S6 (del valore di circa 700 euro), appena acquistato. Inutile ripercorrere la strada a ritroso per cercare qualcuno che potesse essergli di aiuto. Dopo gli innumerevoli tentativi avrebbe quindi deciso di denunciare l'accaduto in Questura. Dopo circa tre mesi di ricerche i poliziotti sono riusciti a localizzare il telefono rubato in zona Candia. Grazie ad ulteriori approfondimenti sono riusciti ad individuare il detentore dello smartphone. Il 62 aveva il telefonino nella tasca di una giacca. L’uomo, P.I. è stato quindi denunciato all'Autorità giudiziaria di competenza per il reato di ricettazione. Ora rischia anche la reclusione da due a otto anni, oltre ad una multa che va da 516 a 10 329 euro.


   

di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 11-08-2016 alle 13:46 sul giornale del 12 agosto 2016 - 770 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aAba





logoEV
logoEV