counter

Parco del Conero, tornano in azione i vandali con danni per 5.000 euro

Monte Conero 1' di lettura 03/08/2016 - Trentatré tabelle segnaletiche tra rubate e danneggiate, danni che ammontano a €5.337,74: questo è il quadro presentatosi al Direttore dell’ Ente parco del Conero Marco Zannini, durante un sopralluogo.

Erano istallate solo da pochi mesi le tabelle che sono state prese di mira all’interno dell’ area protetta, un danno non di poco conto. Da parte dell’ Ente Parco è scattata subito la denuncia alle autorità competenti. ‘Durante i normali controlli della segnaletica direzionale, -spiega il Direttore Zannini- posti in opera sui sentieri ufficiali del Parco, si è rilevato il furto e il danneggiamento di 33 tabelle segnavia e di alcuni dei rispettivi pali di sostegno realizzati in legno secondo la tipologia indicata nel manuale C.A.I. (Club Alpinio Italiano). Il Valore del materiale sottratto, compresa la messa in opera è pari €.5.337,74’.

‘Questo fatto è moto grave –commenta l’ accaduto il Presidente Lanfranco Giacchetti- considerando che le conseguenze sono a danno del turismo e di chi fruisce del Parco. Inoltre, la situazione non può essere ripristinata in breve tempo perché in agosto le ditte vanno in ferie e perchè nel bilancio del Parco non sono stati preventivati i fondi per tale situazione di emergenza. Il parco è un bene di tutti, va sostenuto e tutelato soprattutto da parte dei comuni che ne fanno parte e per cui rappresenta un tesoro a livello di volano turistico, garante di eccellenze in loco. Per questo una maggiore condivisione di questo bene porterebbe ad aumentare la cultura ambientale tra i cittadini che, a loro volta, diventerebbero i primi custodi del Parco, di questo bene prezioso. I messaggi non univoci in tal senso non aiutano’.


   

da Parco del Conero




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-08-2016 alle 19:01 sul giornale del 04 agosto 2016 - 747 letture

In questo articolo si parla di cronaca, parco del conero

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/azVj