counter

Ancona: topi d'appartamento e ladri di formaggio, tre arresti e tre denunce

Polizia generico 3' di lettura 26/07/2016 - Tre giovani sconosciuti furori dal portone di casa. Un inquilino che arriva con la spesa. I ragazzi che gli aprono con innata gentilezza. La felicità prima di scoprire che la porta del suo appartamento a Collemarino era stata forzata. Poi l'intuizione. Quei giovani che se n'erano appena andati velocemente potevano essere i colpevoli.

La chiamata al 113 e la descrizione dei tre porta le Volanti ha mettersi sulle loro tracce lunedì pomeriggio e gli agenti riescono ad intercettarli a bordo di un'auto in via Flaminia. Si tratta di un 25enne (S.M.), un 24enne (E.J.) e una 22enne (I.S.) di etnia rom, in Italia senza fissa dimora e già gravati da precedenti contro il patrimonio e la persona. Durante i controlli dei documenti, i poliziotti hanno notato il grosso zaino rosso descritto dalla vittima al al fianco della giovane seduta sul sedile posteriore. invitata a mostrare il contenuto, la 22enne ha mostrato la presenza di un cacciavite tipo tester, una chiave inglese e un arnese tipo piede di porco, tutti attrezzi utilizzati per tentare di aprire infissi e serramenti. I tre, (peraltro disoccupati) non riuscendo a giustificare il possesso di tali oggetti sono stati accompagnati presso in Questura e arrestati per tentato furto in abitazione in concorso, aggravato da violenza e recidiva. Più golosi i ladri - un 20enne è un 23enne romeni residenti nel foggiano e pluripregiudicati per reati contro il patrimonio - che lunedì hanno scelto il capoluogo dorico per i loro furti di formaggio. Il più giovane sarebbe entrato in un supermercato indossando un cappello tipo Panama e si sarebbe chinato vicino al complice per afferrare i tocchi di formaggio stagionato e nasconderli dentro una sacca di tela, riuscendo in questo modo a trafugare circa 10 kg di parmigiano. I loro movimenti sospetti non sono però passati inosservati e visto che si accingevano a raggiungere le casse senza alcun prodotto da pagare, l’addetto alla vigilanza ha allertato il 113, richiamando sul posto un equipaggio della Volante. Bloccati e identificati, i due sono stati invitati ad aprire la sacca, facendo così riemergere dieci pezzi di formaggio per un valore di circa 150 euro. Accompagnati presso in Questura, sono stati denunciati per furto aggravato in concorso e muniti di foglio di via obbligatorio dalla città, mentre i prodotti sono stati restituiti al titolare dell'attività. Un po' di preoccupazione anche alla Mensa del Povero di Padre Granata, dove un cittadino straniero arrivato tardi per cena, lunedì sera avrebbe incominciava ad inveire contro i volontari che gli consegnavano frutta e pane. Non sarebbe infatti rimasto soddisfatto e avrebbe reclamato, piuttosto, un posto a sedere con tanto di primo e secondo come se si trovasse in un ristorante. Visto che le sue richieste non potevano essere accolte, il 28enne nordafricano avrebbe cominciato ad aggredire tutti i presenti. Sul posto sono quindi giunte le Volanti che hanno riportato alla calma l’uomo e lo hanno identificato come irregolare sul territorio nazionale da almeno dodici anni. Dopo la denuncia per clandestinità si sta si sta valutando la sua posizione in Italia.


   

di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 26-07-2016 alle 15:24 sul giornale del 27 luglio 2016 - 1193 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, ladri, Volanti della Questura di Ancona, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/azA8





logoEV
logoEV