Fermo: arrestati gli autori delle bombe nelle chiese

1' di lettura 20/07/2016 - Brillante operazione dei Carabinieri all'alba. Secondo il Procuratore della Repubblica Seccia la matrice è anarchica.

Sono stati arrestati due cittadini fermani ritenuti responsabili dei quattro attacchi alle chiese fermane con ordigni artigianali. Martino Paniconi, 44 anni, e Marco Bordoni, 30 anni, sono stati fermanti questa mattina con l'accusa di danneggiamento aggravato di luogo di culto, fabbricazione senza licenza delle autorità di ordigno esplosivo, porto in luogo pubblico ed esplosione degli ordigni. Brillante operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno coadiuvati dagli uomini della sezione Anticrimine di Ancona.

Il Procuratore della Repubblica, Domenico Seccia, sostiene che il movente è di matrice anarchica ed insurrezionale senza un filo logico nella scelta delle chiese. Ricordiamo che sono quattro gli attacchi nelle chiese fermane, fortunatamente senza conseguenze gravi alle persone: a febbraio il primo attacco è stato presso la casa parrocchiale nelle vicinanze del Duomo di Fermo, il secondo era stato posizionato presso la Chiesa di San Tommaso. La terza bomba è esplosa presso la Chiesa di San Marco alle Paludi (Parrocchia di Don Vinicio Albanesi) ed ultimo ordigno, fortunatamente inesploso, era stato posizionato presso la Chiesa di San Gabriele di Fermo.






Questo è un articolo pubblicato il 20-07-2016 alle 17:43 sul giornale del 21 luglio 2016 - 1569 letture

In questo articolo si parla di cronaca, andrea leoni, fermo, vivere fermo, articolo, carabinieri Ascoli Piceno, fermo notizie, domenico seccia, arresti bombe nel fermano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/azqP