counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Gradara: quattro cani vivevano confinati in casa tra le loro feci, salvati dalle Guardie Zoofile OIPA

1' di lettura
1124

Le guardie zoofile OIPA di Pesaro-Urbino hanno effettuato il sequestro penale di quattro cani, di cui una gravida, rinchiusi in un’abitazione di Gradara (PU) in pessime condizioni igienico sanitarie e senza la possibilità di uscire mai dall’appartamento.

Accertamenti e i tentativi per intervenire sulla situazione degradata che da molto tempo veniva segnalata erano già avvenuti, ma senza successo. La Polizia Municipale e l’Asur avevano infatti già effettuato sopralluoghi e richiesto l’intervento del Comune, senza di fatto ottenere una risposta. Anche le guardie zoofile OIPA avevano già fatto un tentativo di verifica ma L.S., proprietaria dell’abitazione, aveva impedito di accedere alla proprietà e vedere i cani. Testimonianze hanno permesso di appurare che gli animali vivevano perennemente rinchiusi nell’appartamento, dal quale proveniva cattivo odore per la presenza di ingenti quantità di feci e urina, e che venivano lasciati liberi di accoppiarsi tra loro. I cani, cuccioli inclusi, venivano inoltre lasciati soli anche per diversi giorni, tanto che in un caso quest’incuria ha causato la morte di un cucciolo.

Grazie ad un mandato della Procura e al supporto dei Carabinieri di Gabicce mare, le guardie zoofile OIPA sono riuscite ad effettuare un sopralluogo, trovando quattro cani meticci di piccola taglia, un maschio e tre femmine, costretti a vivere in un piccolo appartamento con pavimentazione coperta da giornali intrisi di urina, con feci e mozziconi di sigaretta sparsi ovunque. Uno dei cani, femmina, era prossima al parto e tutti erano infestati da parassiti.

Gli animali sono stati posti sotto sequestro e affidati al canile comunale e la donna è stata denunciata per maltrattamento di animali.



Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2016 alle 18:00 sul giornale del 30 giugno 2016 - 1124 letture