Ancona: Evade dai domiciliari per aspettare che si asciughi il pavimento, inseguimenti della Polizia

3' di lettura 20/06/2016 - Inseguimento della Polizia per le vie del Piano San Lazzaro. Tra lo sgomento dei passanti, gli agenti delle Volanti, domenica pomeriggio, verso le 14.00, si sono messi alle costole di un fuggitivo noto come “il maratoneta”.

Pluripregiudicato agli arresti domiciliari dall’ottobre 2015 per furto e spaccio di sostanze stupefacenti, si sarebbe infatti allontanato dalla sua abitazione per passare una domenica a spasso per la città. Noto alle Forze dell’Ordine per le sue capacità atletiche, avrebbe dato non poco filo da torcere ai poliziotti che lo hanno intercettato in piazza Ugo Bassi e si sono ritrovati costretti ad inseguirlo fino agli scalini di via Macerata, dove però il malvivente sembrava essersi dileguato. In realtà si era solo nascosto accovacciandosi sotto i gradini. È bastato quindi un controllo più accurato per pizzicarlo dopo pochi minuti. Bloccato, identificato e accompagnato in Questura, il 45enne anconetano si sarebbe giustificato dichiarando che, avendo lavato i pavimenti della propria abitazione e non potendo quindi accedervi nell’immediato, aveva deciso di ottimizzare il tempo facendo una passeggiata. La bravata gli è costata un arresto per evasione.

Ma già in mattinata il fisico degli agenti era stato messo alla prova da un mendicante 33enne romeno che si era messo a chiedere con un po’ troppa insistenza denaro ai clienti di un supermercato di Torrette. Li avrebbe addirittura inseguiti accompagnandoli con insulti e minacce. Al sopraggiungere di una “pantera” verso le 12.30, anche lui si sarebbe dato alla fuga, spingendo gli agenti ad inseguirlo, bloccarlo ed identificarlo, venendo così a conoscenza dei suoi precedenti per reati contro il patrimonio e la persona e di un divieto di fare ritorno nel comune di Ancona comminatogli dal questore nel corso del 2015. Se l’è cavata con una denuncia all’Autorità Giudiziaria di competenza.

E sempre a Torrette, verso le 3.30 di lunedì mattina, un controllo delle Volanti ha portato alla scoperta di un nuovo bivacco di senzatetto. Di fronte all’Ospedale Regionale si presentava infatti una capanna improvvisata piena di rifiuti di cibo e bottiglie di birra. Al suo interno stava dormendo un 34enne romeno, in Italia senza fissa dimora e con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e la persona. Anche a suo carico un divieto di ritorno nel capoluogo fino al mese di marzo 2018. Dopo averlo denunciato per invasione di edifici e inottemperanza a un provvedimento del Questore, i poliziotti hanno deciso di controllare anche i vari reparti del nosocomio, scoprendo in una sala d’attesa altri tre individui che dormivano sopra le sedie coperti da vari strati di indumenti. Cittadini italiani – un 50enne, una 40enne e una 51enne già gravati da precedenti per reati contro il patrimonio -, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per invasione di edifici.


di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2016 alle 13:52 sul giornale del 21 giugno 2016 - 1206 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ayku





logoEV
logoEV